Airbnb, ingente perdita in primo trimestre da quotata

(Teleborsa) – Airbnb, portale online di alloggi ed esperienze di viaggio, ha chiuso il 2020 con ricavi in calo del 22% a 859 milioni di dollari nel quarto trimestre, il primo da società quotata (l’IPO è avvenuta il 10 dicembre). Le entrate per l’intero anno sono quindi state di 3,4 miliardi, in calo del 30% rispetto ai 4,8 miliardi del 2019.

La perdita netta nel trimestre è stata di 3,9 miliardi di dollari (contro i -3,1 miliardi attesi dagli analisti) e su di essa hanno pesato oneri legati alla quotazione, ha puntualizzato la società. Airbnb ha dovuto sborsare 2,8 miliardi di dollari di compensi in azioni, mentre un onere straordinario legato a un prestito d’emergenza ha pesato per altri 827 milioni.

Nel 2020, l’EBITDA rettificato è stato negativo per 251 milioni di dollari, rispetto ai -253 milioni del 2019. Per la seconda metà del 2020, “a seguito del lavoro di riorientamento dell’azienda e riduzione dei costi”, l’EBITDA rettificato è stato di 481 milioni di dollari (contro i 37 milioni dello stesso periodo 2019).

“La nostra performance nel 2020 ha dimostrato che Airbnb è resiliente e intrinsecamente adattabile – ha commentato il co-fondatore e CEO Brian Chesky – I viaggi stanno tornando e siamo super concentrati per essere pronti a questo rimbalzo”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Airbnb, ingente perdita in primo trimestre da quotata