AIG, il finanziere Carl Icahn torna a far pressioni per lo scorporo

(Teleborsa) – Il finanziere di Wall Street Carl Icahn torna a far pressioni sul colosso delle assicurazioni AIG, per lo scorporo della holding in tre business. 

Il “consiglio” affidato da Icahn ad una lettera aperta, pubblicata sul suo sito, trova fondamento nella necessità di ridurre le dimensioni della maxi holding, per evitare le più stringenti norme sui requisiti patrimoniali. 

Per perorare la sua causa, il finanziere cita anche l’esempio della MetLife, che ha recentemente ceduto larga fetta delle sue attività assicurative in USA per ridurre le sue dimensioni ed evitare la normativa più rigorosa sulle holding finanziarie “sistemiche” (banche ed assicurazioni). 

Come accade in Europa per le banche, anche gli Stati Uniti hanno affidato alla Federal Reserve il compito di definire requisiti patrimoniali più stringenti per le holding sistemiche, tali da garantire cuscinetti sufficienti ad evitare l’ipotetico fallimento. Questo richiederebbe ad AIG adeguamenti di capitale più onerosi.

AIG fornirà un aggiornamento strategico il prossimo 26 gennaio, ma Icahn ha detto di non aspettarsi molte novità. Tuttavia, il suo intervento, sostengono gli analisti, potrebbe costringere il management ad appoggiare, almeno in parte, le richieste, per evitare un braccio di ferro fra azionisti e Board. Questo sta mettendo le ali al titolo che oggi guadagna oltre l’1% al Nyse.

AIG, il finanziere Carl Icahn torna a far pressioni per lo scorporo
AIG, il finanziere Carl Icahn torna a far pressioni per lo scorpo...