AIE: incertezze per pandemia, giù stime domanda petrolio

(Teleborsa) – Il peggioramento del sentiment ed i nuovi casi di coronavirus nel mondo rendono ancora più cupe le prospettive per la domanda mondiale di petrolio.

Lo afferma l’AIE, l’Agenzia internazionale dell’Energia che taglia stime sulla crescita della domanda di greggio, per il 2020, seguendo quanto deciso nel report dell’OPEC, la vigilia.

Nel suo rapporto mensile, l’Agenzia ha ridotto l’outlook a 91,7 milioni di barili al giorno, in contrazione di 8,4 milioni di barili al giorno su base annua. Una sforbiciata più robusta di quella annunciata lo scorso agosto (-8,1 milioni).

“Prevediamo che la ripresa della domanda di petrolio decelererà in modo significativo nel secondo semestre del 2020 – si legge nel report – il rallentamento economico impiegherà mesi per ribaltarsi del tutto, mentre è improbabile che alcuni settori come l’aviazione tornino ai livelli pre-pandemia di consumi, perfino l’anno prossimo”.

L’OPEC ieri ha previsto che la domanda mondiale di oro nero crollerà di 9,46 milioni di barili al giorno, in misura, dunque, più consistente rispetto al calo di 9,06 milioni previsto un mese fa.

(Foto: © Amikishiyev / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

AIE: incertezze per pandemia, giù stime domanda petrolio