Aeroporto Fiumicino, Draghi visita centro vaccinale Regione Lazio

(Teleborsa) – Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha visitato oggi, giovedì 11 marzo, il Centro Vaccini della Regione Lazio, realizzato per la prima volta in uno scalo italiano grazie alla collaborazione di Aeroporti di Roma e Croce Rossa Italiana.

Il Premier, accompagnato dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, dal Commissario Straordinario per l’emergenza Covid, Francesco Figliuolo e dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, è stato ricevuto dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dal presidente della CRI, Francesco Rocca e dall’Amministratore Delegato di ADR, Marco Troncone. Presenti anche l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato e il Direttore Sanitario dell’Istituto Spallanzani, Francesco Vaia.

“Dall’inizio della pandemia – ha dichiarato Troncone, Amministratore Delegato di ADR – continuiamo ad assicurare sempre il massimo supporto alle Istituzioni, mettendo in campo tutto quanto possibile per fronteggiare con determinazione l’emergenza Covid-19. La realizzazione di questo centro vaccinale, inserito nella struttura di test rapidi e molecolari già presente dalla scorsa estate e che fanno di quest’area un vero e proprio hub sanitario, testimonia il nostro contributo concreto alla diffusione della campagna vaccinale che resta la linea di fuoco di questa lotta. Dall’apertura del centro, lo scorso 11 febbraio, sono state somministrate finora oltre 30mila dosi di vaccino AstraZeneca”.

La struttura – chiarisce la nota – “la più grande del Lazio con circa 1.500 metri quadri interamente coperti e riscaldati, è in grado di somministrare oltre 3mila dosi di vaccino giornaliere ed è stata allestita utilizzando una parte degli oltre 22mila metri quadri di superficie messi a disposizione da Aeroporti di Roma presso il parcheggio Lunga Sosta del Leonardo da Vinci, dove dallo scorso settembre è attiva l’area per i test Covid-19.

Come per il centro di testing rapido, attivo nell’area Arrivi del Terminal 3 di Fiumicino e successivamente per l’avvio del più grande drive-in per test rapidi e molecolari del Lazio, anche la struttura per le vaccinazioni è stata realizzata grazie alla proficua collaborazione con Regione Lazio, USMAF, Istituto Spallanzani, Croce Rossa Italiana e conferma come Aeroporti di Roma, fin dall’inizio della pandemia continui a garantire il massimo supporto possibile alle Istituzioni e al territorio. ADR, infatti, si legge nella nota – “oltre ad aver messo a disposizione l’area, ha realizzato la progettazione, l’impiantistica interna e esterna, la pavimentazione dell’area e la relativa viabilità, i bagni esterni, i box di vaccinazione e il sistema di filodiffusione sonora”.

Numeri che testimoniano un impegno concreto e costante nei mesi più duri per il nostro Paese, con ADR che continua a fronteggiare la “battaglia” contro il nemico invisibile in prima linea e dalla prima ora. Il centro vaccinale di Fiumicino dispone, infatti, di 65 cabine, di cui 25 per l’inoculazione dei vaccini, 160 sedute nell’area di osservazione medica, un parcheggio auto di circa 330
posti. La struttura è anche dotata di servizi igienici ed è disponibile un servizio di ristorazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aeroporto Fiumicino, Draghi visita centro vaccinale Regione Lazio