Aeroporti, passeggeri favorevoli ai controlli biometrici

(Teleborsa) – I passeggeri aerei spingono per essere identificati biometricamente per accelerare le procedure di controllo e abbattere i tempi di attesa. E’ quanto si evince dal Global Passenger Survey 2021 elaborato dalla IATA.

Il 73% dei passeggeri è disposto a condividere i propri dati biometrici per migliorare i processi aeroportuali, mentre prima del Covid rappresentavano il 46%. Al momento, solo un terzo dei passeggeri ha sperimentato l’uso di dati biometrici e quasi tutti (l’86%) si ritiene soddisfatto. Il 56% continua a essere preoccupato della protezione dei dati. La stessa percentuale ritiene indispensabile migliorare la gestione delle code all’imbarco.

Secondo l’indagine IATA, prima della pandemia i passeggeri trascorrevano in media 1,5 ore tra check-in, sicurezza, controlli di frontiera e doganali e ritiro bagagli. I dati attuali indicano che i tempi di elaborazione degli aeroporti sono aumentati fino a 3 ore durante le ore di punta, benché il totale dei passeggeri rappresenti solo al 30% circa dei livelli pre-Covid.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aeroporti, passeggeri favorevoli ai controlli biometrici