AdR, de Carolis: “A Fiumicino Cargo +15% in 1 anno e può crescere ancora”

(Teleborsa) – In un anno il traffico merci su Fiumicino è cresciuto del 15%, mentre nei prossimi quattro anni sono stati programmati investimenti per oltre 35 milioni di euro per potenziare l’attività Cargo, ampliando i piazzali di sosta e degli spazi Airside, dedicati alle relative attività. 

Lo ha detto oggi l’Amministratore Delegato della società Aeroporti di Roma, Ugo de Carolis, alla presentazione del Position Paper “Azioni per il Rilancio del Cargo Aereo”, evento  organizzato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in collaborazione con Sea Aeroporti di Milano e Adr presso l’Hangar Sea Prime del Terminal 1 dell’aeroporto di Milano Malpensa, alla presenza del ministro Graziano Delrio.

“Il traffico merci e quello passeggeri sono, per Fiumicino, un binomio strategico per potenziare la crescita della redditività dei voli di linea, soprattutto per quanto riguarda il lungo raggio”.

“La nostra peculiarità come aeroporto a vocazione ‘Cargo Belly’ ci prospetta sviluppi potenziali”, ha continuato de Carolis, aggiungendo “Boeing stima che a livello mondiale il 57% delle merci cargo (esclusi i courier) viaggi nelle stive degli aeromobili passeggeri, un dato che secondo le previsioni può salire al 63% entro il 2035”.

L’Ad di Aeroporti di Roma ha poi aggiunto: “Su Fiumicino stiamo inoltre individuando alcune fette di mercato, ad alto valore aggiunto, strettamente legate alle esigenze del territorio. Penso alle merci che necessitano di essere consegnate in tempi brevi come, ad esempio, i prodotti agroalimentari, provenienti dal Centro e Sud Italia, ma anche a settori più specifici, quali la componentistica tecnologica, l’artigianato e il settore moda e farmaceutico. Quest’ultimo, nella nostra Regione, vede un importante distretto produttivo”.  

“In epoca digitale il commercio non può prescindere dal trasporto Cargo”, ha sottolineato de Carolis.

 

 

Teleborsa ha chiesto all’Ad di AdR come si affronta la competitività sul Cargo e soprattutto l’Aeroporto di Fiumicino come affronta la concorrenza. De Carolis ha risposto che la sfida “si affronta continuando ad investire sia sulle infrastrutture, sia sui processi e sulla qualità nei confronti delle compagnie aeree e dei vettori”.

“A Fiumicino il cargo è prevalentemente all’interno delle stive degli aerei passeggeri e quindi la nostra crescita nell’area internazionale extra Schengen ed in particolare sul lungo raggio è ovviamente un driver importante”, ha sottolineato il manager, aggiungendo “contiamo di fare investimenti nei prossimi anni al fine di migliorare sia la parte delle piste sia la parte dei processi per velocizzare lo spostamento delle merci”. 

Abbiamo chiesto poi se Fiumicino sia attrattiva. “Fiumicino suscita l’interesse dei vettori”, ha confermato de Carolis, ricordando che “il trasporto internazionale sta crescendo moltissimo, è cresciuto del 6% nell’ultimo anno, siamo il Paese più connesso con la Cina, aumentano le connessioni con Stati Uniti de con tutto il mondo”. 

“Questa è la riprova che il nostro approccio con la qualità ed i nostri investimenti negli ultimi anni stanno attirando traffico”, ha concluso

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

AdR, de Carolis: “A Fiumicino Cargo +15% in 1 anno e può cresce...