Acri, Profumo: “deciderà assemblea se sarò Presidente”

(Teleborsa) – “E’ una presidenza che sta nelle cose ed era sul tavolo già otto mesi fa, smettetela di parlare di baratto. Profumo sarà presidente dell’Acri e questa carica non ha nulla a che fare con la presidenza della Compagnia di San Paolo” Così si pronuncia Giuseppe Guzzetti, il presidente di Acri dal 2000, dopo aver dato l’endorsement al numero uno della Compagnia di San Paolo Francesco Profumo.

“Non è in ballo uno scambio con la presidenza di Intesa Sanpaolo ma è naturale che andando via la Fondazione Cariplo arrivi la Compagnia di San Paolo”, ha poi concluso l’esponente di spicco dell’Associazione che rappresenta le fondazioni e le casse di risparmio di origine bancaria in Italia, a margine della presentazione delle linee guida della Compagnia a Torino.

Al contempo il diretto interessato, Francesco Profumo, dopo aver appreso come secondo Guzzetti fosse “naturale” il passaggio di testimone della carica verso la sua persona, nonostante il piacere, non si è sbilanciato e commenta: ” Aspettiamo il 22 maggio e vedremo. Ci sono. 155 appartenenti all’Acri di cui 88 sono fondazioni e casse di risparmio. Il nuovo Presidente verrà deciso in un momento assembleare di democrazia, ne ho fatte tante nella mia vita”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acri, Profumo: “deciderà assemblea se sarò Presidente”