Acquisti a mani basse su Schneider Electric. Esteso il buyback

(Teleborsa) – In deciso rialzo le azioni del gruppo industriale francese, che mostrano una salita dell’8,37% sull’annuncio dell’estensione del programma di buyback all’anno in corso.
Deludenti i risultati del 2015, con ricavi piatti ed un utile in calo del 28% a 4,41 mld di euro.

Su base settimanale, il trend del titolo è più solido rispetto a quello del Cac 40. Al momento, quindi, l’appeal degli investitori è rivolto con più decisione a Schneider Electric rispetto all’indice di riferimento.

Lo scenario di medio periodo è sempre connotato negativamente, mentre la struttura di breve periodo mostra qualche miglioramento, per la tenuta dell’area di supporto individuata a quota 50,81 Euro. Il movimento positivo di breve è indicativo di una potenziale inversione del trend ribassista, con possibili tentativi di aggressione dei prezzi verso l’importante area di resistenza stimata a quota 52,71. E’ concreta quindi la possibilità di una continuazione della fase rialzista verso quota 54,61.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acquisti a mani basse su Schneider Electric. Esteso il buyback