Acqua, famiglie soddisfatte del servizio ma ancora troppe perdite su rete

(Teleborsa) – Famiglie in prevalenza soddisfatte del servizio idrico, ma sono ancora rilevanti le perdite di questa risorsa, che viene prelevata in minor misura per l’uso potabile e molto poco come acqua da bere, a fronte di un maggior ricorso alle acque minerali. E’ emerge da un focus dell’Istat, pubblicato in occasione della Giornata mondiale dell’acqua istituita dall’ONU per il 22 marzo, che l’integra più fonti informative statistiche, tra le quali figurano i primi risultati del “Censimento delle acque per uso civile” relativo all’anno 2018.

L’86,6% delle famiglie residenti in Italia è molto o abbastanza soddisfatto del servizio idrico, valutato in base a diversi parametri: interruzioni della fornitura, livello di pressione, odore, sapore e limpidezza, frequenza di lettura dei contatori e della fatturazione, comprensibilità delle bollette). Tuttavia, il disservizio, che coinvolge in misura diversa le varie regioni, interessa oltre 2 milioni di famiglie, il 61,9% delle quali vive nelle regioni del Mezzogiorno.

Sono ancora rilevanti le perdite della rete idrica: circa 44 metri cubi al giorno per km di rete nei comuni capoluogo di provincia/città metropolitana. Il volume di acqua immesso nelle reti dei capoluoghi che non raggiunge gli utenti a causa delle dispersioni di rete è pari al 37,3%. L’acqua è un bene scarso e 12 comuni capoluogo di provincia/città metropolitana (soprattutto del Mezzogiorno) hanno adottato misure per razionare la distribuzione di acqua per uso civile. Sono invece 40 i comuni senza allaccio alla rete fognaria comunale per circa 394.000 residenti.

Nel 2018 il volume di acqua complessivamente prelevato per uso potabile, utilizzato per garantire gli usi idrici domestici, pubblici, commerciali e produttivi sul territorio italiano, è pari a 9,2 miliardi di metri cubi, che equivale ad un prelievo giornaliero di 25 milioni di metri cubi di acqua, corrispondente a 419 litri giornalieri per abitante.

Dal report emerge anche che c’è ancora un 29% di famiglie che non si fida di bere acqua di rubinetto (era il 40,1% nel 2002). Cresce così la spesa mensile familiare per l’acquisto di acqua minerale (+9,4% sul 2015).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acqua, famiglie soddisfatte del servizio ma ancora troppe perdite su r...