Acciaio materiale stategico in ottica Green Economy

(Teleborsa) – La produzione di acciaio in Italia nel 2020, dopo il crollo superiore al 40% registrato tra marzo e aprile, ha recuperato parzialmente fino a raggiungere, a fine agosto, un totale di 12 milioni e 755 mila tonnellate, in calo del 17% rispetto ai primi otto mesi del 2019.

Sulla base di questi dati riassuntivi, presentati dal segretario generale Flavio Bregant, e sulle prospettive future si è aperta oggi a Milano l’assemblea generale di Federacciai, introdotta dalla relazione del presidente Alessandro Banzato, cui sono seguiti gli interventi di Alessandra Todde, sottosegretario allo Sviluppo Economico, e di Carlo Bonomi, presidente Confindustria.

All’associazione fanno riferimento 130 aziende con 70mila dipendenti, che realizzano e trasformano il 95% della produzione siderurgica italiana. Aziende che hanno cercato di salvaguardare il più possibile i livelli occupazionali in questa fase. A risentire della flessione del mercato soprattutto i produttori legati al settore automotive. A tale riguardo, Federacciai auspica che gli incentivi statali siano rivolti a finanziare il segmento delle “euro 6”, non solo l’ibrido o l’elettrico che fa riferimento a produttori stranieri extraeuropei.

Da Banzato e Bonomi la richiesta di rifinanziamento da parte del governo del programma “industria 4.0” e l’invito a convocare un tavolo di lavoro per stendere un piano di sviluppo futuro sull’acciaio, materiale riciclabile all’infinito e dunque strategico in ottica Green Economy, che passerà necessariamente attraverso la decarbonizzazione. A ciò si lega la proposta di inserire negli appalti pubblici clausole che premiano l’uso di acciaio riciclato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Acciaio materiale stategico in ottica Green Economy