Abertis, Atlantia avrà 50%+1 azione in nuova holding con ACS

(Teleborsa) – L’accordo vincolante raggiunto tra Atlantia e ACS avente ad oggetto un’operazione di investimento congiunto in Abertis Infraestructuras prevede: la creazione di una holding in cui il gruppo italiano avrà il 50% più una azione, ACS il 30% e Hochtief il 20% meno un’azione al fine di permettere il consolidamento contabile della Società Holding e di Abertis da parte di Atlantia.

Sono i dettagli dell’intesa raggiunta tra le due società e, diffusi su richiesta dalla CNMV, (la consob spagnola).

In particolare, l’OPA di Hochtief, approvata dalla commissione iberica (CNMV) il 13 marzo, verrà modificata eliminando la parte in azioni dell’offerta, che verrebbe integralmente corrisposta per cassa, al prezzo inalterato di 18,36 euro per azione. Hochtief eserciterebbe il diritto di (squeeze-out) nel caso raggiungesse la soglia legalmente richiesta o, in alternativa, promuoverebbe il delisting di Abertis.

Verrà creata da Atlantia e ACS una società veicolo capitalizzata per 7 miliardi che acquisirebbe da Hochtief l’intera quota in Abertis al prezzo che la società tedesca avrà pagato in OPA.
 
La holding sarà partecipata da: Atlantia (50% + 1 azione), ACS (30%) e Hochtief (20% meno 1 azione), permettendo il consolidamento della holding e di Abertis da parte di Atlantia. E’ previsto, inoltre, un patto parasociale che regolerà la governance, includendo “maggioranze qualificate come prassi in questo tipo di operazioni”.

Hochtief farà un aumento di capitale da circa 6,43 milioni di azioni sottoscritto integralmente da ACS a 146,42 euro per azione. ACS venderà ad Atlantia azioni Hochtief fino a 2,5 miliardi allo stesso prezzo dell’aumento di capitale.

“Atlantia, ACS e Hochtief hanno intenzione di sottoscrivere un contratto a lungo termine agli effetti di massimizzare la relazione strategica e le sinergie tra di loro ed Abertis in nuovi progetti di partnership pubblico-privata (public-private partnership), tanto in progetti di costruzione (greenfield) che di gestione (brownfield)” – si legge nella nota di Atlantia.

Atlantia ritira la sua offerta per Abertis. In base agli accordi, Atlantia desisterebbe dalla sua OPA sulle azioni di Abertis approvata dalla CNMV in data 9 ottobre del 2017.

Questo accordo – spiega la società italiana controllata dai Benetton – è soggetto, previa via libera del CdA, “alla stipula del finanziamento necessario per concludere l’operazione ed all’accordo tra le parti sui termini definitivi dei contratti che regolerebbero la stessa, che saranno eventualmente definiti nei prossimi giorni e opportunamente comunicati al mercato”.

Abertis, Atlantia avrà 50%+1 azione in nuova holding con ACS