A2A, nel primo trimestre crescono margini e investimenti

(Teleborsa) – Nei primi tre mesi del 2021 i ricavi del Gruppo A2A sono risultati pari a 2.174 milioni di euro, in aumento del 27,4% rispetto al primo trimestre dell’anno precedente. Il Margine Operativo Lordo si è attestato a 399 milioni di euro, in aumento di 68 milioni di euro
rispetto ai primi tre mesi del 2020 (+20,5%).

Il Risultato Operativo Netto, pari a 237 milioni di euro cresce di 41 milioni di euro rispetto ai primi tre mesi del 2020 (196 milioni di euro). L’Utile Netto di pertinenza del Gruppo nei primi tre mesi del 2021 risulta pari a 136 milioni di euro, in aumento del 21,4% rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo del 2020

La Posizione Finanziaria Netta di Consolidato al 31 marzo 2021 risulta pari a 3.472 milioni di euro, invariata rispetto al 31 dicembre 2020.

Siamo molto soddisfatti dei risultati di questo primo trimestre. Ricavi, margine operativo lordo e utile netto hanno fatto registrare una crescita a doppia cifra, a conferma degli elementi fondanti del nuovo Piano Industriale decennale: uno scenario europeo estremamente positivo nei settori dell’economia circolare e della transizione energetica, il valore dei nostri asset nei settori delle reti, dell’ambiente e dell’energia e non ultimo il valore dell’importante know-how del Gruppo A2A e del nostro capitale umano che sta interpretando con competenza e passione il nuovo Piano” commenta Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A –. “Abbiamo anche aumentato del 26% gli investimenti; un incremento particolarmente significativo venendo da un 2020 record (+18% sul 2019) e che ci ha permesso di concludere operazioni strategiche in linea con il Piano annunciato a Gennaio. Con la recente acquisizione di un portafoglio di 17 impianti fotovoltaici da 173 megawatt, abbiamo consolidato la seconda posizione tra gli operatori nelle rinnovabili e siamo tra i primi nel solare in Italia. Con queste basi vogliamo continuare a fornire il nostro contribuito alla realizzazione di infrastrutture innovative, strategiche per lo sviluppo sostenibile del Paese”.

Outlook. A2A fa sapere che “l’emergenza sanitaria Covid 19 non ha avuto, nel primo trimestre 2021, impatti rilevanti sulla operatività della società né si hanno, allo stato attuale, segnali che possano far ritenere probabili scenari macroeconomici significativamente differenti dal primo trimestre. Lo scenario energetico, la cui debolezza, anche indotta dal Covid 19, è stato nel 2020 la causa principale degli impatti negativi sulla performances economico-finanziarie, rimane positivo: le curve forward relative ai prossimi 9 mesi del 2021 e al 2022 mostrano prezzi e spread sostenuti”. Il Gruppo – aggiunge la società – “ha alla data attuale coperto circa il 70% della propria produzione con ciò limitando eventuali variazioni negative e non attese dello scenario economico sui propri risultati dell’esercizio in corso. Le attese del Gruppo sull’esercizio 2021 sono pertanto buone: l’Ebitda è previsto in crescita rispetto ai risultati 2020 e compreso tra 1.230 e 1.250 milioni di Euro”.

La forte generazione di cassa operativa sarà utilizzata per finanziare investimenti attesi a livello record (oltre 1 miliardo) in linea con le previsioni del Piano Strategico 2021-2030.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A2A, nel primo trimestre crescono margini e investimenti