A2A, investirà 16 miliardi al 2030 in transizione energetica ed economia circolare

(Teleborsa) – A2A ha messo a punto il proprio Piano industriale al 2030, che prevede 16 miliardi di investimenti in 10 anni. Di questi, 10 miliardi sono per la transizione energetica e 6 per l’economia circolare, “pilastri del Piano in un nuovo approccio al business”.

“Un nuovo Piano che segna un punto di svolta per A2A. Coniugando coraggio e concretezza perseguiamo obiettivi di sostenibilità sfidanti e target economici di crescita molto importanti per il Gruppo, che si affaccia al mercato europeo ” – ha commentato Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato di A2A -. “Per la prima volta A2A ha una strategia di lungo termine, con 16 miliardi di euro di investimenti dedicati allo sviluppo dell’economia circolare e alla transizione energetica. Queste sono le solide basi che ci consentiranno di realizzare infrastrutture strategiche, innovative ed essenziali per la crescita e il rilancio del Paese, di essere ambiziosi e guardare all’Europa. Il nostro nuovo modello è una visione del mondo condivisa, sostenibile e rispettosa del futuro, a cui vogliamo dare il nostro contributo quotidiano.”

Tornando ai dettagli del piano, l’utile netto è previsto in crescita dell’8% medio annuo e i dividendi di almeno il 3%. Triplicata la capacità installata da fonti rinnovabili a 5,7 Gw a fine Piano, previste 6.000 assunzioni dirette nell’arco dei 10 anni. A fine piano atteso un Ebitda più che raddoppiato a oltre 2,5 miliardi di euro.

Per raggiungere gli obiettivi del nuovo piano 2021-2030, A2A “introduce un nuovo modello operativo che prevede semplificazione, una corporate più leggera, decentralizzazione, sviluppo delle competenze e digitalizzazione”. La principale novità è la riduzione delle business unit da 5 a 3 (Energia, Ambiente, Reti), che permetterà da una parte di focalizzare le aree di business verso un mercato domestico europeo, dall’altra, con la creazione della BU Energia, di affrontare al meglio le sfide poste dalla transizione energetica, caratterizzata da generazione distribuita e consumatori che partecipano attivamente ai mercati dell’energia”.

E’ previsto inoltre un nuovo Digital Plan che permetterà di calare il digitale in tutte le attività di A2A, l’accorciamento della catena decisionale con maggiore responsabilità conferita alle Business Unit e lo snellimento delle procedure per velocizzare le attività garantendo elevati standard di qualità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A2A, investirà 16 miliardi al 2030 in transizione energetica ed ec...