A Wall Street sale la febbre da M&A

(Teleborsa) – Partenza al rialzo per la borsa di Wall Street, nonostante i nuovi segnali di rallentamento giunti dall’economia cinese, ma anche i numeri allarmanti dalla manifattura statunitense. Atteso tra poco l’aggiornamento sulla fiducia dei costruttori edili misurata dall’indice NAHB (National Association of Home Builders).

Il Dow Jones sale dello 0,34% e si posiziona su 17.594 punti; sulla stessa linea, l’indice S&P-500, continua la seduta a 2.053 punti con un balzo dello 0,32%. Frazionale la salita del Nasdaq 100 (+0,27%).

A dare linfa agli investitori sono le notizie giunte dal fronte M&A (Merger and acquisition) che coinvolgono alcune blue chips statunitensi. Come Apple che balza dell’1,39% dopo che Warren Buffett ha fatto incetta di 10 milioni di azioni della società di Tim Cook. Bene inoltre Caterpillar (+1,13%), Chevron (+1,05%) e Exxon Mobil (+0,62%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Pfizer, -0,84% che ha comprato la rivale Anacor per 5,2 miliardi di dollari.

Nell’editoria, focus su Gannett che ha alzato la posta su Tribune Publishing offrendo 15 dollari per azione.

A Wall Street sale la febbre da M&A