A Piazza Affari si scatenano gli acquisti molto più che in Europa

(Teleborsa) – La Borsa milanese splende sui principali listini europei, che mostrano buoni guadagni. Nel frattempo, a Wall Street è poco sopra la parità lo S&P-500.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,35%. L’Oro è in calo (-0,93%) e si attesta su 1.607,4 dollari l’oncia. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo del 3,43%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +197 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,51%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ben impostata Francoforte, che mostra un incremento dell’1,22%, in primo piano Londra, che mostra un forte aumento dell’1,95%, e resistente Parigi, che segna un piccolo aumento dello 0,40%.

Segno più per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dell’1,06%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share guadagna l’1,18% rispetto alla seduta precedente, scambiando a 18.570 punti. In netto miglioramento il FTSE Italia Mid Cap (+2,68%), come il FTSE Italia Star (1,7%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori petrolio (+5,47%), viaggi e intrattenimento (+3,43%) e tecnologia (+2,90%).

Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti alimentare (-1,36%) e beni per la casa (-0,71%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, decolla ENI, con un importante progresso del 7,30%.

In evidenza Atlantia, che mostra un forte incremento del 7,27%.

Svetta Buzzi Unicem che segna un importante progresso del 4,35%.

Vola Fiat Chrysler, con una marcata risalita del 4,15%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Prysmian, che prosegue le contrattazioni a -4,67%.

Affonda Ferragamo, con un ribasso del 3,59%.

Crolla Poste Italiane, con una flessione del 2,48%.

Vendite a piene mani su Pirelli, che soffre un decremento del 2,27%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Saras (+16,44%), Falck Renewables (+10,60%), Sesa (+7,78%) e Tinexta (+7,46%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Datalogic, che ottiene -3,96%.

Pessima performance per Carel Industries, che registra un ribasso del 3,51%.

Sessione nera per De’ Longhi, che lascia sul tappeto una perdita del 3,42%.

In caduta libera MARR, che affonda del 2,28%.

(Foto: © Simona Flamigni | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Piazza Affari si scatenano gli acquisti molto più che in Europa