A Piazza Affari si scatenano gli acquisti molto più che in Europa

(Teleborsa) – La Borsa milanese splende sui principali listini europei che mostrano buoni guadagni. Il mercato guarda ad un possibile governo in Italia che dovrebbe scongiurare tensioni con Bruxelles sulla finanza pubblica.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,109. L’Oro continua gli scambi a 1.541 dollari l’oncia, con un aumento dello 0,91%. Lieve aumento del petrolio (Light Sweet Crude Oil) che sale a 53,82 dollari per barile.

Scende molto lo spread, raggiungendo +184 punti base, con un deciso calo di 16 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni che si posiziona all’1,14%.

Nello scenario borsistico europeo si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,62%, senza spunti Londra, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi. Bilancio positivo per Parigi, che vanta un progresso dello 0,67%. A Milano, scambia in deciso rialzo il FTSE MIB (+1,52%), che raggiunge i 20.991 punti.

Si distinguono a Piazza Affari i settori alimentare (+2,77%), utility (+2,62%) e automotive (+2,15%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, incandescente BPER, che vanta un incisivo incremento del 4,53%.

In primo piano Banco BPM, che mostra un forte aumento del 3,29%.

Decolla Snam, con un importante progresso del 3,03%.

In evidenza Ferrari, che mostra un forte incremento del 2,98%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Juventus, che continua la seduta con -1,38%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, MARR (+4,12%), Mutuionline (+4,07%), Banca Ifis (+3,92%) e IREN (+2,98%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Ascopiave, che continua la seduta con -2,02%.

Vendite su Piaggio, che registra un ribasso dell’1,68%.

Seduta negativa per Mediaset, che mostra una perdita dell’1,28%.

Sotto pressione IMA, che accusa un calo dell’1,28%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

A Piazza Affari si scatenano gli acquisti molto più che in Europa