93° Pitti Uomo al via a Firenze, internazionalità e ricerca sempre al centro della kermesse

(Teleborsa) – Il 93° Pitti Uomo prenderà il via a Firenze, presso la Fortezza da Basso, domani 9 gennaio 2018 per concludersi venerdì 12 gennaio. Una quattro giorni all’insegna dell’internazionalità, della ricerca e della contemporaneità, con un focus su alcune tematiche particolari come quella della moda per gli sportivi, in vetrina con Athlovers.

1.243 i marchi presenti alla kermesse, dei quali dei quali 541 provenienti dall’estero (il 44% del totale) e provenienze interessanti da Austria, Islanda, Svezia, Nigeria, Messico, Paesi Bassi, Giappone, Hong Kong e Taiwan. Gli espositori saranno distribuiti sulle 14 sezioni espositive per i 3 filoni principali di stile del Nuovo Classico, dell’Avanguardia e dello Sportswear Contemporaneo, per una superficie espositiva complessiva di 60 mila metri quadri
 
36.000 i visitatori attesi al salone ed oltre 24.300 i compratori all’ultima edizione invernale, dei quali 8.800 i buyer dall’estero.I principali mercati esteri di riferimento sono Germania, Giappone, Spagna, Gran Bretagna, Olanda, Francia, Turchia, Cina, Svizzera, Stati Uniti, Belgio, Corea del Sud, Russia, Svezia, Grecia, Austria, Portogallo, Danimarca, Canada e Hong Kong.

Molte come sempre le novità di questa edizione. Il tema-guida Pitti Live Movie trasformerà il salone in un grande film festival con il piazzale centrale che diventerà un movie theatres district. 

D segnalare anche il debutto di Athlovers alla Polveriera, il nuovo progetto speciale sull’athleisure e la dimensione del vivere sportivo, in collaborazione con lo storico lanificio REDA. Parteciperanno cinque marchi active-minded, ciascuno dei quali realizzerà per l’occasione un proprio capo utilizzando il tessuto Reda Active.   

Non si ferma ovviamente il lavoro di continuo fine-tuning su tutte le sezioni, con una particolare evidenza per MAKE, la sezione che valorizza la riscoperta dell’artigianato. The New Makers va in scena alla Sala della Ronda con un nuovo layout, presenta una new generation di artigiani da tutto il mondo con i loro pezzi di fattura speciale ma dall’allure contemporanea. 

Lunga la lista degli eventi e degli ospiti speciali di questa edizione. Saranno due i Guest Designer di questo gennaio, con le loro collezioni uomo: Jun Takahashi con il suo brand Undercover, e Takahiromiyashita-The Soloist.
 
Brooks Brothers, il più antico brand di abbigliamento americano, celebra invece i suoi 200 anni di attività nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. 

Première per M1992 del designer e dj italiano Dorian Stefano Tarantini, con un progetto nato dalla collaborazione tra Pitti Immagine e Camera Nazionale della Moda Italiana. 

Ritorno poi di The International Woolmark Prize, che porta in finale i 12 migliori creativi nel menswear e nel womenswear – scelti tra i 65 designer emergenti e più talentuosi al mondo – che saranno giudicati da una stimata giuria di nomi prestigiosi dell’industria della moda. 

Prosegue la collaborazione con Tokyo Fashion Award che porta a Firenze sei brand emergenti selezionati da un’autorevole commissione. 

Per Pitti Italics, la Fondazione Pitti Immagine Discovery presenta Luca Magliano, vincitore di Who’s on Next? Uomo 2017, e il suo brand. 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

93° Pitti Uomo al via a Firenze, internazionalità e ricerca sempre a...