I 15 Paesi con il debito pubblico più elevato

Quali sono i quindici Paesi nel mondo con il debito pubblico più elevato secondo il World Economic Forum

Con l’insediamento del nuovo Governo, la crisi dei mercati per l’instabilità politica italiana e lo spread in rialzo, si è parlato di nuovo di debito pubblico.

Recentemente il World Economic Forum ha pubblicato un’indagine sulla competitività globale ed ha esaminato la situazione finanziaria dei Paesi nel mondo. L’indagine ha permesso di individuare quali sono i Paesi con il debito pubblico più elevato: scopriamo quali si trovano nelle quindici posizioni più alte.

In quindicesima posizione abbiamo la Mauritania. Il Paese ha un debito pubblico che corrisponde al 99,6% del PIL. Il Paese dell’Africa nord-orientale dalla grande estensione geografica e la popolazione limitata a poco più di 4 milioni di persone. Il suo livello di debito pubblico è anche legato ad un calo del 30% del prezzo dei minerali di ferro, che rappresentano il 50% delle esportazioni.

Dall’Africa all’Europa: alla posizione 14  il Belgio con un debito pubblico che è il 105,5% del PIL. Sarà inoltre uno dei sei Paesi europei che violeranno le regole dell’Eurozona sul deficit pubblico.

Dopo la vecchia Europa, arriva il momento della giovane America alla posizione 13. Non solo il debito pubblico è al 107,4% del PIL, ma la riforma fiscale di Trump potrebbe far calare il fatturato a 1500 miliardi di dollari in pochi anni, peggiorando la situazione.

In dodicesima posizione c’è Cipro, che dopo la crisi del 2013 e 2014 ha dovuto chiedere 10 miliardi di euro per salvarsi. Nonostante sia in posizione numero 12, sembra che il rapporto debito-PIL stia scendendo in fretta.

In undicesima posizione c’è il Bhutan, con un debito del 110,2% del PIL. Tuttavia nonostante sia in alto nella classifica, la World Bank ha dichiarato che “non c’è un rischio immediato di una crisi del debito sovrano”. In decima posizione, si arriva alla modernissima Singapore: il debito pubblico è il 112% del PIL, tuttavia il governo ritiene che sia fuorviante perché non rispecchia la solida posizione di bilancio. “La situazione è sostenibile dal punto di vista del bilancio. Il motivo è che questi report considerano solo il debito lordo. Se si tiene conto dei nostri asset, in realtà non abbiamo alcun debito netto”, ha dichiarato recentemente.

Al nono posto si vola in Giamaica, con un debito che è il 115% del PIL ed è superiore a 2000 miliardi di dollari giamaicani. Tuttavia il debito è in calo ed il rating di credito è migliorato, dato che fa ben sperare. All’ottava posizione c’è il Mozambico: il debito è il 115,2%: il FMI ha ritirato i fondi di sostegno al bilancio dello Stato perché aveva fornito al fondo informazioni false sull’entità dei propri debiti. Il Gambia si trova in settiman posizione con il 116,1% di debito, che sta diventando sempre più un grave problema.

Torniamo in Europa al sesto posto con il Portogallo e un debito pubblico che è il 130,3% del PIL. Qui il debito è aumentato notevolmente tra il 2010 e il 2014, quando il Portogallo non fu più capace di rifinanziare il suo debito senza aiuti esterni, tanto da cadere in recessione. Recentemente la sua economia si sta riprendendo. È al quinto posto che si trova l’Italia con un debito pubblico del 132,6%, numero che desta preoccupazione in Commissione Europea. A novembre ha dichiarato: “Nel caso dell’Italia, il persistente debito pubblico elevato costituisce un motivo di preoccupazione […] Date le dimensioni dell’economia italiana, è una fonte di preoccupazione generale per l’Eurozona nel complesso”.

Al quarto posto c’è Capo Verde con il 133,8% di debito pubblico. Negli ultimi anni la crescita economica è stata debole e il FMI ha sottolineato che “il debito crescente e la crescita economica debole associata all’apprezzamento del dollaro hanno incrementato il rischio associato al debito”.

Sul podio troviamo al terzo posto il Libano con un debito pubblico che è il 143,4% e corrisponde a 58 miliardi di euro. I livelli di debito hanno rallentano l’economia e ridotto la spesa pubblica su progetti di sviluppo molto importanti. Al secondo posto c’è poi l’europea Grecia, con un debito che è il 181,3% del PIL. Il FMI ha dichiarato che la Grecia sta facendo fronte ad un aumento vertiginoso del debito pubblico, che potrebbe salire fino al 300% del PIL nei prossimi anni.

Al primo posto c’è il tecnologico e avanzato Giappone, che conta un debito che è il 239,2% del PIL. Il debito pubblico supera il milione di miliardi di yen ed è uno dei temi che più preoccupano il Paese.

I 15 Paesi con il debito pubblico più elevato