10 anni dal fallimento Lehman. Lagarde (FMI): “Molti passi avanti, ma non abbastanza”

(Teleborsa) – Tutto e il contrario di tutto. La numero uno del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Christine Lagarde, fa propria la teoria del relativismo, parlando della crisi e della sicurezza del sistema finanziario mondiale a quasi 10 anni dal fallimento di Lehman, avvenuto il 15 settembre 2008, che diede avvio alla lunga e profonda crisi finanziaria.

Secondo la Lagarde, è stata fatta “molta strada” in questo decennio, ma non “abbastanza”, il sistema finanziario si rivela oggi sicuro, ma non abbastanza, la crescita è tornata, ma non è “abbastanza” condivisa. Insomma, il “non abbastanza” costituisce il leitmotiv del suo intervento sul blog del sito delle FMI.

La direttrice dell’Istituto di Washington ha spiegato che le ricadute della crisi possono giustificare la reazione negativa alla globalizzazione e la sfiducia nei governi, ma la “lezione” non si impara a dieci anni da una crisi che si sta ancora vivendo. Poi, ha affermato che le sfide oggi sono rappresentate dalla necessità di superare il protezionismo, le disuguaglianze, gli squilibri e richiedono un allentamento delle regole post-crisi.

Quanto alla finanza ed alle banche, la Lagarde ha affermato che “troppe banche, soprattutto in Europa, restano deboli’. e che anche sotto questo profilo la crisi non è stata ancora superata.

10 anni dal fallimento Lehman. Lagarde (FMI): “Molti passi avant...