Cambiano i parametri per la zona gialla: i nuovi colori delle Regioni

Il Governo punta ad un allentamento delle restrizioni, al vaglio l'introduzione di nuovi parametri per la zona gialla (e bianca)

Si continua a parlare di riaperture, è uno degli obiettivi del Governo Draghi: proseguire a ritmi serrati con la campagna vaccinale e vedere la curva epidemica scendere, così da poter garantire la ripresa delle attività a chi è rimasto fino ad ora fermo. La vera novità, però riguarda l’assegnazione dei nuovi colori alle Regioni. Dopo la sospensione della zona gialla dopo Pasqua (e per tutto il mese di aprile), i parametri per l’attribuzione delle fasce di rischio ai territorio potrebbero infatti cambiare.

Cambiano i parametri per la zona gialla

Ad anticipare l’intenzione del Governo Draghi di voler rivedere i parametri per l’allentamento delle restrizioni è stato Pierpaolo Sileri, sottosegretario di Stato al ministero della Salute. “Io sono a favore di riaperture. Abbiamo dati in miglioramento, l’Rt è sceso, verosimilmente continuerà a scendere […] a partire dal primo di maggio possiamo parlare di riaperture”, aveva dichiarato durante la trasmissione Agorà, in onda su Rai 3. “Dal primo maggio si può tornare a una colorazione più tenue delle Regioni e qualcuna potrà tornare a essere bianca”, aveva poi aggiunto lo stesso.

Numeri alla mano, Sileri ha indicato inoltre i nuovi parametri di valutazione del rischio. Nello specifico, i dati di cui tenere conto per l’attribuzione della zona gialla, secondo il sottosegretario, saranno quelli delle vaccinazioni, dei soggetti a rischio raggiunti dalla campagna vaccinale e i contagi registrati settimanalmente – in base alla popolazione – in un determinato territorio.

I nuovi colori delle Regioni da maggio: quando si passa in zona gialla

Con l’Italia che rimarrà in zona rossa o arancione fino a fine aprile (a meno che un miglioramento dei dati non spinga il ministero della Salute a intervenire), i nuovi colori delle Regioni verranno decisi a partire da maggio.

Il prossimo mese, quindi, le riaperture potrebbero coincidere con l’attribuzione della zona gialla (o bianca) in determinate parti del territorio. Nello specifico, ha dichiarato Sileri, il passaggio alla zona gialla sarà riconosciuto se:

  • almeno il 75% dei residenti over 75 risultano essere vaccinati;
  • i nuovi casi di Covid si mantengono al di sotto di 180 casi ogni settimana ogni 100mila abitanti;
  • l’Rt (indice che misura la velocità del contagio) risulta essere stabile, sotto l’1, e possibilmente intorno a 0,80.

Si valuta il passaggio alla zona bianca, invece, nel caso in cui i contagi scendano a 50 ogni 100mila abitanti.

Infine, sia per zona gialla che bianca, l’obiettivo rimane quello di completare entro fine aprile  almeno la vaccinazione di tutti gli over 80.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cambiano i parametri per la zona gialla: i nuovi colori delle Regioni