Variante Delta, dopo la festa per gli Europei è allarme contagi: cosa succede adesso

Gli esperti si interrogano con preoccupazione sugli effetti sulla curva dei contagi dei festeggiamenti della vittoria dell'Europe

Finita la festa adesso potrebbero esserci dei cocci da raccogliere. Perché con la vittoria del campionato Europeo da parte della nazionale italiana di calcio la gioia in piazza, i caroselli per le strade, gli assembramenti, erano inevitabili e le precauzioni anti-contagio sono subito saltate sia fuori che dentro le case degli italiani. La stessa squadra guidata da Roberto Mancini ha sfilato in corteo sul bus scoperto per le vie di Roma, ricevendo l’abbraccio di migliaia di tifosi. Il ritorno all’abbraccio, che secondo gli esperti potrebbe non rimanere senza conseguenze.

Variante Delta, dopo la festa per l’Europeo è allarme contagi: l’allarme degli esperti

L’ha detto la responsabile tecnico per il Covid-19 dell’Organizzazione mondiale della Sanità già durante la finale degli Europei con più di 60mila persone a Wembley per Italia-Inghilterra: “Dovrei divertirmi a guardare il contagio avvenire davanti ai miei occhi? La pandemia #COVID19 non si prende una pausa stasera… #SARSCoV2 #DeltaVariant approfitterà di persone non vaccinate, in ambienti affollati, senza mascherine, che urlano/gridano/cantano. Devastante” ha scritto su Twitter Maria van Kerkhove.

Uno scenario già previsto da molti esperti e che adesso, dopo le scene viste sugli spalti e per le strade, preoccupa ancora di più, per il timore che la variante Delta abbia cominciato a correre tra i non vaccinati. “Il virus oggi se la ride, il vincitore della coppa purtroppo è lui”, è stato il commento del direttore dell’unità di statistica medica e epidemiologia del Campus biomedico di Roma, Massimo Ciccozzi.

Variante Delta, dopo la festa per l’Europeo è allarme contagi: le stime

In Italia l’inversione di tendenza della curva dei contagi, dopo 15 settimane di calo consecutive, è acclarata: nei sette giorni precedenti c’è stato un aumento di nuovi casi del 51%, un incremento rilevante che si sta confermando anche nelle ultime ore.

Sergio Abrignani, immunologo dell’Università di Milano e componente del Comitato tecnico scientifico, ha stimato entro agosto una crescita di 30 mila positivi quotidiani, come sta avvenendo adesso nel Regno Unito. Ma per valutare il reale impatto dei festeggiamenti per l’Europeo, bisognerà aspettare ancora un po’.

Già fra 4 o 5 giorni, se osserveremo dei picchi di contagi nelle città dove ci sono stati comportamenti a rischio, vedremo se abbiamo rischiato troppo. Speriamo che avvenga quello che è accaduto con i festeggiamenti che ci sono stati quando a Napoli per la Coppa Italia o Milano quando l’Inter ha vinto lo scudetto: ci sono stati assembramenti simili, ma non si è osservato nessun picco di casi” ha detto il membro del Cts.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Variante Delta, dopo la festa per gli Europei è allarme contagi: cosa...