Covid, infrante linee guida di distribuzione del vaccino: polemica in America

Florida e Texas hanno iniziato a vaccinare le persone di età pari o superiore a 65 anni contro il Coronavirus, infrangendo le linee guida CDC

La scorsa settimana, il governatore della Florida Ron DeSantis ha emesso un ordine esecutivo per iniziare la somministrazione del vaccino Covid a partire da: operatori sanitari, persone di età pari o superiore ai 65 anni, residenti e lavoratori delle case di cura e chiunque sia ritenuto “estremamente vulnerabile al virus”. Il Texas ha fatto lo stesso pochi giorni prima. La decisione presa dai due stati americani, però, cozza con quanto stabilito dall’Agenzia federale CDC, la Centers for Disease Control and Prevention, tra i maggiori organismi di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti.

Vaccino Covid, Florida e Texas non rispettano le linee guida per la distribuzione

Come stabilito dalle linee guida stilate dal gruppo consultivo CDC, i primi a ricevere il vaccino in America dovrebbero essere gli operatori sanitari, i residenti e i membri del personale delle case di cura. A seguire, come indicato dall’Agenzia, la somministrazione spetterebbe ai lavoratori più esposti al contagio e le persone con età uguale o superiore ai 75 anni.

Si tratta di raccomandazioni che, come ha spiegato il gruppo consultivo, hanno lo scopo di “preservare il funzionamento della società” e “diminuire morte e malattie gravi per quanto possibile”. Ma in Florida e in Texas, i giovani lavoratori “in prima linea” sono stati esclusi dalla fase successiva delle vaccinazioni, mentre è stata data precedenza agli over 65, attirando non poche critiche al riguardo.

Vaccino Covid, dosi già finite in Florida e Texas

Le strutture in Florida e Texas che hanno iniziato a somministrare i vaccini Covid alle persone di età pari o superiore ai 65 anni, dopo aver incluso questa categoria nella lista dei soggetti dando loro precedenza, hanno già finito le dosi. L’offerta quindi si è esaurita rapidamente, escludendo tutti i soggetti che – secondo quanto raccomandato dalla CDC – avevano invece priorità nel ricevere il trattamento.

Come già accennato sopra, le linee guida CDC per la distribuzione dei vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech stabiliscono invece che dopo gli operatori sanitari, i residenti e il personale delle case di cura, le dosi successive dovrebbero andare alle persone con più di 75 anni e ai lavoratori in prima linea non impiegati nel sistema sanitario (in questa categoria rientrano insegnanti, lavoratori agricoli, personale di negozi e attività con vendita al dettaglio, dipendenti e lavoratori del trasporto pubblico). Poi si dovrebbe passare ai cittadini di età compresa tra 65 e 74 anni, in concomitanza delle persone sotto i 64 anni che hanno particolari patologie e/o che sono impiegati in servizi e attività essenziali, i cd, “soggetti a rischio“.

Piano vaccini, è polemica in America

Il piano di vaccinazione in Florida, escludendo i lavoratori più esposti al virus, ha attirato non poche critiche in questi giorni. I lavoratori impiegati nei cosiddetti settori essenziali, infatti, hanno maggiori probabilità di ammalarsi e la loro condizione è ancora più a rischio soprattutto se si considera che, in America, una quota molto grande del settore è povera e non bianca. Il che vuol dire che non tutti hanno accesso alle cure e/o possono permettersi una buona assicurazione sanitaria.

“I lavoratori neri e ispanici in Florida stanno morendo in modo sproporzionato a causa del Covid“, ha affermato ai media Terry Adirim, medico di medicina d’urgenza pediatrica presso la Florida Atlantic University, aggiungendo: “Queste sono le persone che lavorano nei negozi di alimentari, consegnano la spesa, guidano gli autobus e, pertanto, mettono a rischio la propria vita permettendo a quelli come noi di continuare a lavorare”.

Pronta la risposta delle autorità: “La nostra priorità è la popolazione anziana“, ha detto il Governatore Ron DeSantis durante una conferenza stampa. In Florida circa 4,4 milioni di residenti hanno più di 65 anni e più di 3 milioni hanno più di 70 anni. Da maggio ad agosto, il 78% dei morti per Coronavirus negli Stati Uniti erano persone di età pari o superiore a 65 anni.

Brett Giroir, assistente segretario per la salute presso il Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, ha affermato che la decisione ha senso “perché quelle sono le persone che vanno a finire negli ospedali. Non il lavoratore 24enne in prima linea che ha basse probabilità di contrarre l’infezione e un rischio molto, molto basso di peggiorare”.

Ma, come gli esperti hanno fatto notare, da aprile a giugno più di 3.300 americani di età compresa tra i 18 ei 34 anni sono stati ricoverati in ospedale dopo essere risultati positivi al Coronavirus, e il 21% di questi ha avuto bisogno di cure intensive, mentre circa il 3% è morto. Da luglio ad agosto, invece, le persone di età compresa tra i 20 ei 29 anni hanno rappresentato la maggior parte dei casi di Coronavirus negli Stati Uniti (oltre il 20%).

Inoltre, anche se pochi giovani lavoratori si ammalano gravemente, i focolai all’interno di un gruppo di lavoro potrebbero mettere a dura prova la capacità degli ospedali, contribuendo alla diffusione incontrollata del virus, fino a far ammalare di Covid anche le persone che non lavorano.

Vaccino Covid, non solo Texas e Florida: altri stati non hanno rispettato le linee guida

Va detto che le linee guida Centers for Disease Control and Prevention sono solo raccomandazioni: spetta infatti agli stati poi stilare lo specifico piano vaccinazioni all’interno del proprio territorio. Florida e Texas, infatti, non sono stati gli unici a deviare rispetto a quanto raccomandato dalla CDC.

Un recente rapporto della Kaiser Family Foundation, organizzazione americana senza scopo di lucro che si occupa di indagini su questioni chiave di politica sanitaria, ha rilevato che 45 stati su 50 in totale stavano seguendo le raccomandazioni del CDC (sono in totale 5 dunque quelli che non si sono allineati). Dopo Florida e Texas, infatti, anche Massachusetts, Nevada, New Hampshire e Wyoming hanno leggermente deviato includendo le forze dell’ordine nel loro primo ciclo di vaccinazioni. Il Massachusetts, in particolare, ha esteso le prime vaccinazioni anche ai detenuti in carcere e i senzatetto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, infrante linee guida di distribuzione del vaccino: polemica in ...