Vaccino Covid, l’allarme dell’Interpol: dosi in mano alla criminalità organizzata

L'Interpol avverte i Governi: la criminalità organizzata pronta a lanciarsi nel business dei vaccini Covid

Attualmente sono diversi i vaccini candidati che si sono dimostrati altamente efficaci contro il Covid-19. Si è tanto parlato, per esempio, dei traguardi raggiunti da Pfizer e Moderna cui trattamenti, ben presto, potrebbero essere distribuiti su larga scala una volta approvati dalle autorità di regolamentazione sanitaria. Tuttavia, bisogna organizzare quella che è stata descritta come la più grande vaccinazione di massa della storia, e non è così semplice. È necessario capire come conservare e distribuire efficientemente le dosi (milioni) in commercio e, come se tutto ciò non fosse già di per sé abbastanza impegnativo, c’è un altro ostacolo con cui ben presto i Governi dovranno fare i conti: quello della criminalità organizzata.

La criminalità organizzata pronta a lanciarsi nel business dei vaccini Covid

Con una comunicazione diramata ai 194 paesi membri, l’Interpol ha fatto sapere che il rischio di infiltrazioni criminali nel business dei vaccini Covid è più che concreto. L’obiettivo delle organizzazioni mafiose pare essere quello di penetrare nelle catene di approvvigionamento, accaparrandosi alcune dosi del trattamento, anche illegalmente. Il pericolo è così concreto che, dopo l’allarme lanciato in Cina, l’Organizzazione ha chiesto alle forze dell’ordine di iniziare le indagini, concentrandosi già su quelli che spacciano i falsi vaccini online.

L’allarme lanciato dall’Interpol

Le reti criminali è probabile che agiranno anche telematicamente, ha segnalato l’Interpol, tramite siti falsi e link trappola che promettono cure contro il Covid che – di fatto – non esistono o non sono affidabili. Come ha dichiarato Jürgen Stock, il segretario generale: “È essenziale che le forze dell’ordine siano il più preparate possibile per quello che sarà un vero e proprio assalto da parte di tutte le attività criminali legate al vaccino Covid, motivo per cui l’Interpol ha emesso questo avvertimento globale”.

Secondo il gruppo, la pandemia ha “già innescato comportamenti criminali opportunistici e predatori senza precedenti”, senza contare il fatto che, quando si ritornerà a viaggiare a livello globale, con l’apertura dei confini nazionali e internazionali le organizzazioni criminali probabilmente aumenteranno la produzione e la distribuzione di kit di test COVID-19 fasulli, mettendo a repentaglio la salute pubblica.

Vaccino Covid, vaccino Pfizer e BioNTech autorizzato nel Regno Unito

L’allarme arriva mentre le autorità sanitarie di tutto il mondo stanno lavorando per rendere presto disponibile un vaccino che sia in grado di sconfiggere il Covid, mettendo un freno alla pandemia. Intanto, mercoledì 2 dicembre, nello stesso giorno in cui l’Interpol diramava il suo appello, il vaccino Pfizer e BioNTech è stato autorizzato in Gran Bretagna per l’uso in casi emergenza, con alte probabilità che altri paesi seguano lo stesso esempio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Covid, l’allarme dell’Interpol: dosi in mano alla ...