Scuola, l’allarme di Galli: perché non deve riaprire il 7 gennaio

Massimo Galli, direttore di Malattie infettive del Sacco di Milano, ha spiegato i rischi legati al ritorno alla scuola in presenza a partire dal 7 gennaio

Cosa succederà con la riapertura delle scuole e la fine della zona rossa in tutta Italia? Potremmo assistere a un ulteriore aumento dei contagi a livello nazionale, e addirittura a una vera e propria terza ondata. Ne è convinto il medico Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, che ha sottolineato che “siamo ancora abbastanza lontani da quella che può definirsi una situazione tranquilla”. Tuttavia l’esperto ha chiarito che l’alto tasso di positività riscontrato a cavallo delle feste natalizie potrebbe risentire della diminuzione del numero di tamponi effettuati in questo periodo.

Covid, Galli: “Serve una campagna estesa e massiccia per il vaccino”

La suddivisione dell’Italia nelle tre zone di rischio gialla, arancione e rossa “non è quello di cui abbiamo bisogno”. Per sconfiggere il Covid, secondo Massimo Galli, sarebbe necessaria piuttosto “una campagna vaccinale estesa e massiccia, che un’epidemia in fase acuta potrebbe ostacolare”.

Si tratta di “un’impresa mai tentata prima e non sarà facile né per noi né per gli altri Paesi avere a disposizione a quantità sufficiente di vaccino“. Per questo “qualche difficoltà ce la dobbiamo aspettare ma non dobbiamo trasformarla in un terreno di scontro ogni volta. Bisogna portare a casa questo risultato, e non ci sono precedenti che possano fare da modello”.

Covid, Galli: “La scuola è un problema, inutile che si dica il contrario”

L’infettivologo rimane critico riguardo le decisioni del Governo. “L’impressione è che la politica si conceda dei gradi di libertà sulla scienza che non dovrebbe avere”.

In particolare la riapertura delle scuole con la partenza delle lezioni in aula a partire dal 7 gennaio. “La scuola è un problema, è inutile che si dica il contrario, perché abbiamo la necessità di garantirla in presenza ai nostri ragazzi, e su questo non ho dubbi”, ha dichiarato Massimo Galli poco tempo fa, sottolineando l’importanza di mettere in sicurezza il sistema di trasporti.

Covid, Galli spiega i rischi di contagi collegati alla scuola in presenza

I contagi a scuola avvengono “non per il contesto ambientale, quanto per i movimenti che avvengono a monte e a valle delle ore trascorse in aula (…). È dunque importantissimo riaprire, ma bisogna farlo gestendo bene le problematiche connesse, a iniziare dai trasporti“.

Non solo: a preoccupare l’esperto c’è anche il fatto che dovremo fare i conti con un alto numero di positivi proprio a partire dalla data prevista per il rientro in classe. “Avremo contezza dei casi di contagio avvenuti a Natale proprio attorno al 7 gennaio, quando riapriranno le scuole”, ha spiegato Massimo Galli. Con il rischio che i tempi di incubazione possano portare a maturare una finta sicurezza di essere negativi per tanti giovani, che potrebbero infettare compagni e familiari.

Nel mentre sono al vaglio del Governo le misure da prendere con il prossimo Dpcm, che potrebbe introdurre la scuola in presenza al 50%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, l’allarme di Galli: perché non deve riaprire il 7 genna...