Chi è Patrizio Bianchi, il nuovo ministro dell’Istruzione

Ex rettore, assessore e accademico il professore ferrarese amico di Prodi tornerà all'Istruzione dove era già stato a capo della task-force per le riaperture

Lo attende, in eredità dalla ministra Azzolina, la stagione probabilmente più difficile della Scuola italiana. Ma in quanto presidente della task-force istituita per le riaperture dello scorso settembre, sa già cosa aspettarsi. Il nuovo ministro dell’Istruzione del governo Draghi è Patrizio Bianchi, 68 anni, economista.

Chi è Patrizio Bianchi, il nuovo ministro dell’Istruzione: vita e carriere

Nato a Copparo, in provincia di Ferrara, nel 1952, è stato assessore all’Istruzione, Università e Lavoro per i governatori Vasco Errani e Stefano Bonaccini in Emilia-Romagna. In questa veste ha affrontato la ricostruzione delle scuole nella sua regione dopo il terremoto del 2012.

Autore di 40 libri, 250 pubblicazioni, il professor Bianchi è un accademico, ex rettore dell’Università di Ferrara dal 2004 al 2010, con la propensione per la politica, vicino all’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, con cui si è laureato e di cui è amico di vecchia data.

Primo titolo universitario nel 1976 in Scienze politiche all’Alma Mater di Bologna, ha completato la sua formazione con gli studi successivi alla London School of Economics con il professor Basil Yamey.

Nel 1980 diventa ricercatore presso la Facoltà di economia dell’Università degli Studi di Trento, per poi trasferirsi a Bologna due anni dopo. Nel 1986 vince la cattedra di professore associato, sempre a Bologna, e nel 1994 diviene professore ordinario di politica economica.

Commendatore al merito della Repubblica italiana dal 2010, è stato premiato nel 2015 dall’Accademia nazionale dei Lincei per la sua attività nelle scienze sociali e politiche.

È titolare nel suo Ateneo della Cattedra Unesco “Educazione, crescita ed eguaglianza”, ed è stato anche responsabile del laboratorio di Politica industriale di Nomisma, oltre ad essere chiamato nel 1999 a guidare Sviluppo Italia.

Chi è Patrizio Bianchi, il nuovo ministro dell’Istruzione: il precedente nella task-force

A chi gli chiedeva, appena uscito dal giuramento al Quirinale, sul ritorno in presenza a scuola Bianchi ha detto: “È a questo che stiamo lavorando”.

Con amarezza ha dovuto constatare l’accantonamento del suo piano per le riapertura della scuole dello scorso settembre, al quale ha lavorato a lungo durante i mesi della pandemia con la task force interministeriale voluta dalla stessa ministra Lucia Azzolina.

“Forse sarebbe stato utile aprire un dibattito” aveva commentato dopo aver presentato il suo studio a maggio scorso, che è diventato un libro “Nello specchio della scuola”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Chi è Patrizio Bianchi, il nuovo ministro dell’Istruzione