Zaia, ordinanza Veneto valida fino a decadimento: cosa prevede

Zona arancione "light" in Veneto fino al 24 dicembre, cosa prevede l'ordinanza Zaia

In attesa di provvedimenti del Governo, la Regione Veneto aveva disposto la scorsa settimana la chiusura dei confini comunali dopo le 14 dal 19 dicembre fino al 6 gennaio. Una “zona arancione moderata“,  così era stata definita dallo stesso Presidente Luca Zaia, che aveva dichiarato: “Non ho ancora capito cosa accadrà a livello nazionale. Non so cosa farà il governo ma non possiamo aspettare ulteriormente”. Tuttavia, con l’entrata in vigore del decreto Natale, le regole su tutto il territorio nazionale sono cambiate. Cosa accadrà quindi all’ordinanza Zaia?

Zaia, ordinanza Veneto valida fino a decadimento: cosa vuol dire

Il governatore Zaia non cambia idea e, in merito all’armonizzazione della norma restrittiva regionale con la legge nazionale ha fatto sapere che i provvedimenti presi in Veneto – entrati in vigore a partire da sabato 19 dicembre – rimarranno in auge fino a decadenza, ovvero fino al 24 dicembre 2020 (quando in tutta Italia scatterà la zona rossa).

“Fino al 23 dicembre, ore 24, in Veneto è valida la nostra ordinanza, la cosiddetta zona arancione ‘light’, con la chiusura dei confini comunali dalle 14. Poi dal 24/12 decadono gli effetti, perchè entra in vigore il provvedimento del Governo”, ha affermato Zaia.

“Abbiamo sempre detto – ha aggiunto – che se le misure nazionali fossero state più blande restava la nostra ordinanza. Ora, dal punto di vista gerarchico, decade invece dal 24”.

Ordinanza Zaia in Veneto: cosa prevede

A differenza di altre regioni italiane, dove sono valide le regola della zona gialla (in attesa del lockdown autorizzato nei giorni festivi e prefestivi), l’ordinanza Zaia in Veneto ha riconosciuto una “zona arancione” più moderata, senza quindi le misure stringenti previste sinora a livello nazionale per le regioni in questa fascia di rischio epidemiologico.

La decisione è arrivata a seguito della situazione preoccupante che si stava verificando in Veneto, dove si è verificato un vero e proprio boom di contagi, con il numero dei casi Covid salito in maniera preoccupante nel giro di poche ore.

Nello specifico, l’ordinanza in questione stabilisce il divieto di spostamenti tra comuni soltanto dopo le 14, mentre i negozi rimangono aperti fino alle 21. Ovviamente, in caso di necessità specifiche (lavoro, salute o problemi familiari e personali), gli spostamenti rimangono consentiti anche negli orari di chiusura, purché motivati.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Zaia, ordinanza Veneto valida fino a decadimento: cosa prevede