Vaccino Covid, gli europei contro “Big Pharma”: arriva No Profit On Pandemic

Un'iniziativa dei cittadini dell'Unione Europea chiede a Bruxelles di liberalizzare i brevetti per i vaccini e rendere pubblica la gestione della loro produzione e distribuzione

Una nuova iniziativa dei cittadini dell’Unione Europea propone nuove regole sulla produzione e distribuzione dei vaccini anti Covid. Raccogliendo un milione di firme il comitato No Profit On Pandemic potrà rivolgersi direttamente alla Commissione Europea e proporre un atto legislativo concreto.

L’iniziativa prevede quattro richieste che potrebbero tradursi in legge al raggiungimento della quota di sostenitori prevista dal regolamento Ue.

No Profit On Pandemic: le richieste dell’iniziativa europea contro “Big Pharma”

Il primo punto portato avanti dagli organizzatori di No Profit On Pandemic riguarda l’universalità del diritto alla salute. Da qui la proposta di condividere in tutto il mondo la ricerca e le tecnologie per la lotta al coronavirus, rendendo pubblici i brevetti dei vaccini anti Covid e impedendo il controllo monopolistico delle aziende private sui quelli che sono diventati farmaci essenziali.

Il monopolio delle case farmaceutiche, viene spiegato nell’Ice, limita la disponibilità dei vaccini e ne aumenta il costo.

No Profit On Pandemic chiede inoltre maggiore trasparenza sui contributi pubblici, l’efficacia e la sicurezza dei vaccini e dei farmaci. Oltre a queste informazioni, per il comitato, dovrebbero essere di dominio pubblico anche i contratti tra gli Stati o le autorità della Pubblica amministrazione e le aziende che producono i farmaci.

Considerando gli ingenti finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo dei vaccini e dei trattamenti, No Profit On Pandemic chiede che le tecnologie prodotte grazie a investimenti pubblici, come il vaccino, rimangano sotto il controllo pubblico.

L’iniziativa dei cittadini dell’Ue che riguarda i vaccini sottolinea, anche a partire dal nome, l’importanza di impedire che enti privati possano trarre profitto dalla pandemia di Covid e a discapito delle persone. Per questo viene chiesto a Bruxelles di impedire alle “Big Pharma” di “depredare i sistemi di assistenza sociale”.

Come firmare l’iniziativa dei cittadini europei No Profit On Pandemic

Sono molte le associazioni, i partiti e i movimenti che hanno aderito a No Profit On Pandemic, che è possibile firmare accedendo al sito ufficiale dell’Unione Europea che permette ai cittadini di sostenere le iniziative dei cittadini. Per farlo è necessario compilare un modulo o accedere con le forme di identificazione digitale alla piattaforma, con carta d’identità elettronica o Spid.

Chi sostiene l’iniziativa No Profit On Pandemic in Italia

L’iniziativa è supportata in Italia da ben 44 enti:

  • Acli
  • ACS
  • ACU-Associazione Consumatori Utenti
  • Agorà della Terra
  • ARCI
  • Assistenza Sociosanitaria
  • Associazione Dossetti
  • Associazione Laudato si,
  • Associazione Per un’Europa dei Popoli
  • Attac Italia
  • CGIL
  • CIPSI
  • CISL
  • CNCA
  • Comitato Stop TTIP Udine
  • Cobas
  • Dico 32
  • Emergency
  • Forum Acqua
  • Forum per il Diritto alla Salute
  • Gruppo Abele
  • Gruppo PALADE
  • Gruppo Solidarietà
  • IFE Italia
  • La Sinistra Legnano in Comune
  • La Via Libera
  • Libera
  • MDP/art1
  • Medici per l’ambiente
  • Medicina Democratica
  • Oxfam italia
  • Partito del sud
  • Partito della Rifondazione Comunista
  • Potere al Popolo
  • Punto Rosso
  • Reti di Pace
  • Sinistra Anticapitalista
  • Sinistra Europea
  • Sinistra Italiana
  • transform! italia
  • UIL
  • Un Ponte Per
  • USB
  • Verdi

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Covid, gli europei contro “Big Pharma”: arriva No ...