Italia isolata, la mossa di Draghi spacca l’Europa

Tensione tra il presidente del Consiglio e i leader di Olanda e Germania: per il premier non è accettabile speculare sul prezzo del gas durante una guerra

All’apice del nervosismo nel vertice, venerdì pomeriggio a Bruxelles, ha fatto irruzione la prima grande crisi del capitalismo: la bolla dei tulipani del 1637, quando una febbre di mercato a Amsterdam portò i contratti enormemente sopra al valore intrinseco dei bulbi. Finita, naturalmente, con un’implosione devastante. Qualcosa di simile accade oggi con il prezzo del gas, che la guerra in Ucraina ha fatto crescere fino a dieci volte rispetto a un anno fa.

È dunque all’ennesimo richiamo olandese a “non interferire con i meccanismi di mercato”, che Mario Draghi ha tirato fuori un po’ di storia: “Il mercato del gas oggi funziona come il mercato dei tulipani nel diciassettesimo secolo”, ha detto il premier al collega dell’Aja Mark Rutte. Questo il messaggio sottinteso: insensato nascondersi dietro il fondamentalismo liberista, mentre una guerra in Europa genera uno choc energetico che rischia di far chiudere interi settori industriali.

Botta e risposta tra Italia e Olanda sulla crisi del gas

L’Italia, con la Spagna, la Grecia, il Portogallo – e l’apertura della Francia e della presidente della Commissione Ursula Von der Leyen – continuava a proporre dei tetti ai prezzi del metano acquistabile in Europa via gasdotto. L’Olanda, che ospita la borsa dei contratti del gas (la Title Transfer Facility), continuava a invocare “il mercato“. Con il sostegno di Germania e Svezia, mentre fuori dalla Unione europea la Norvegia sta lucrando con 150 miliardi di euro di entrate da metano.

Rutte ha provato a replicare all’accusa di Mario Draghi, implicita, che l’Aja mette davanti a tutto l’interesse della propria piazza finanziaria nel pieno una crisi drammatica. “Non sto difendendo i trader – ha detto il premier olandese – ma difendo il mercato”, quello oggi determinato dai missili che piovono sull’Ucraina.

La divisione più sostanziale oggi è però con Berlino. Olaf Scholz teme che qualunque misura sul gas o anche solo sul carbone russo determini un taglio alle forniture e una recessione in Germania. In carica da tre mesi, a capo di un governo diviso e soggetto a un’enorme pressione degli industriali, il cancelliere socialdemocratico non vorrebbe cambiare niente dell’import di energia dalla Russia. Non adesso.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti,
iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui

La mossa di Berlino che irrita l’Europa

In pochi giorni l’esecutivo di Berlino si è mobilitato bloccando per sé tre delle sei o sette navi di rigassificazione in offerta sul mercato mondiale per il gas liquefatto che arriverà dagli Stati Uniti oppure dal Qatar. Ma al vertice europeo Scholz è entrato in dissenso con Draghi, proponendo di rispondere all’emergenza attuale con un’accelerazione sull’energia rinnovabile, che però darà i primi effetti solo fra tre o quattro anni. Il premier italiano ha replicato: “Manteniamo gli obiettivi europei sulle emissioni, ma siamo in una situazione difficile: non è il momento di nuove fughe in avanti“.

Alla fine il vertice ha prodotto soprattutto l’idea di provare a trovare un’intesa a maggio. Ma lo stallo europeo avrà conseguenze immediate. Perché come per i respiratori due anni fa, all’inizio del Covid, è partita una competizione fra i principali Paesi europei a trovare forniture di gas che rimpiazzino quelle dei russi. Ciascuno sembra voler correre solo per sé, malgrado l’intento espresso dal vertice di Bruxelles di sviluppare acquisti comuni.