Elezioni, dalla Lollo a Crisanti: ecco tutti i nomi dei candidati vip

La diva del cinema, l'epidemiologo, ma anche Rita dalla Chiesa, Claudio Lotito, Ilaria Cucchi: sono solo alcuni dei nomi celebri alle urne

Si avvicina la data delle elezioni. A un mese dal voto anticipato, che avverrà il 25 settembre 2022, tantissimi italiani dichiarano di avere ancora grandi incertezze riguardo il simbolo da votare. L’ennesima caduta di un Governo non è piaciuta ai cittadini, delusi dai giochi di palazzo. Che il sentimento generale sia negativo nei confronti dei politici “di professione” e di chi rincorre da decenni le poltrone, non è una novità. E non lo è neanche il fatto gli schieramenti più disparati ricorrano a nomi estranei ai partiti per guadagnare una manciata di voti in più.

Da eminenti nomi della società civile, a star della tv, del cinema e della musica, fino ad arrivare ai campioni olimpici e ai piedi più veloci del mondo del calcio, le liste elettorali presentano sempre dei vip già noti al grande pubblico. Vediamo dunque chi ci sarà tra le fila dei famosi candidati alle urne e quali partiti hanno scelto per portare avanti le proprie battaglie. O da quali partiti sono stati scelti per avere un numero più alto di preferenze.

Gina Lollobrigida candidata alle elezioni a 95 anni: con chi corre la diva del cinema

Dal mondo dello spettacolo ci sono due signore molto conosciute dagli italiani. La prima è l’immensa Gina Lollobrigida. La superstar 95enne, diva di Hollywood e di Cinecittà e sex symbol indiscussa degli anni ’50 e anni ’60, è candidata nel Lazio tra le fila di Italia Sovrana e Popolare.

La formazione racchiude il Partito Comunista di Marco Rizzo, Azione Civile di Antonio Ingroia (che è anche legale dell’attrice), Ancora Italia di Francesco Toscano, Riconquistare l’Italia di Stefano D’Andrea, Italia Unita di Francesco Nappi, Patria Socialista di Igor Camilli e altri movimenti e comitati anti Draghi.

Rita dalla Chiesa candidata con Forza Italia: da Forum sempre con Berlusconi

L’altra signora degli schermi arriva invece dalla tv, e per anni è stata il volto della mattina e del pomeriggio di Rete 4 grazie a Forum. Si tratta di Rita dalla Chiesa. Dopo l’esordio in Rai, è diventata il volto storico del tribunale tv di Mediaset, prima dal 1988 al 1997 e poi dal 2003 al 2013.

È figlia del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, noto per l’impegno contro il banditismo e il terrorismo rosso e ucciso dalla mafia nel 1982 dopo essere stato nominato prefetto di Palermo.

La conduttrice è ora candidata come capolista in Puglia con Forza Italia. Il centrodestra, ha spiegato ai microfoni di Agi, “è la mia casa. Sono stata sempre vicina all’area moderata”. A chi le ha chiesto se non sentirà in imbarazzo tra gli azzurri, viste le accuse a più riprese di vicinanza tra alcuni esponenti del partito e personaggi mafiosi, ha risposto, attraverso Quotidiano Nazionale che di non aver “mai creduto a queste accuse”.

Claudio Lotito dalla Lazio alle elezioni: è candidato anche lui con Forza Italia

Dal mondo dello sport arriva invece Claudio Lotito. Imprenditore e politico romano, è dal 2004 al 2021 è stato il presidente della Lazio. Durante il suo mandato il club capitolino è passato dall’essere sull’orlo del fallimento a vincere tre Coppe Italia e tre Supercoppe italiane. È candidato con Forza Italia nelle Marche. Qua gli altri candidati famosi di Forza Italia.

Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, candidata alle elezioni con Verdi e Sinistra

Dalla società civile arrivano invece diversi nomi di alto profilo. Il primo è quello di Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, ucciso a Roma nel 2009 mentre si trovava in custodia cautelare. Solo nel 2022 la Corte di Cassazione ha condannato in via definitiva i suoi assassini, uomini dell’Arma dei Carabinieri. Oggi è forse il caso più noto di brutalità poliziesca in Italia.

Ilaria Cucchi è diventata famosa proprio grazie alla lunga battaglia legale per ottenere giustizia per il fratello. Dopo anni di processi e attivismo, ha deciso di mettersi al servizio del Paese. Sarà capolista al Senato, in Puglia, per Alleanza Verdi e Sinistra – nata da Sinistra Italiana di Nicola Fratoianni ed Europa Verde, di Eleonora Evi e Angelo Bonelli, e alleato con il Pd.

I tre sindacalisti candidati alle elezioni: Soumahoro, Camusso e Furlan

Nello stesso partito ecosocialista è entrato anche Aboubakar Soumahoro, sindacalista da sempre impegnato nella tutela dei cittadini “invisibili”, cioè di migranti vittime del capolarato e dello sfruttamento. Anche l’attivista è candidato in Puglia, ma alla Camera. Nel territorio è conosciuto anche per le battaglia alla decarbonizzazione dell’Iva di Taranto e della centrale dell’Enel di Brindisi-Cerano.

Nelle liste elettorali si leggono anche i nomi di due sue colleghe. Cioè Susanna Camusso, segretaria generale della CGIL dal 2010 al 2019, e Annamaria Furlan, segretaria generale della CISL dal 2014 al 2021. Entrambe correranno con il PD.

Carlo Cottarelli, il quasi premier torna in politica con +Europa e PD

Non è un vero e proprio outsider della politica, visto che ha ricoperto incarichi governativi ed è stato quasi presidente del Consiglio. Ma è la prima volta che si schiera con un partito. È Carlo Cottarelli, economista ed editorialista che ricevette da Sergio Mattarella l’incarico di formare un Esecutivo dopo la prima caduta di Giuseppe Conte.

Promotore dell’Agenda Draghi, è candidato in Lombardia tra le fila della coalizione formata dal PD e da +Europa. Durante le prime fasi della campagna elettorale è stato vicino anche alle posizioni di Carlo Calenda e Azione, che però si è distaccato dai radicali per allearsi a Matteo Renzi e Italia Viva.

Gli epidemiologi e virologi del Covid candidati: chi sono Crisanti e Lopalco

Tra i nomi celebri dei candidati alle elezioni anticipate del 25 settembre sono spuntati anche quelli di alcuni scienziati diventati famosi presso il grande pubblico durante la pandemia di Covid. Si tratta di Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco. Entrambi i due ricercatori e docenti universitari sono candidati tra le fila del centrosinistra, il primo in quota PD e il secondo con Articolo 1, il partito dell’attuale ministro della Sanità Roberto Speranza.

Andrea Crisanti è un microbiologo, accademico e divulgatore scientifico. Insegna all’Università di Padova, e in precedenza è stato docente anche all’Imperial College di Londra. Ha condotto importanti studi sulla diffusione di malattie da parte delle zanzare, come la malaria. Il prof è tra i promossi del PD, ma ci sono stati anche famosi bocciati: qua la lista.

Durante le sue attività è arrivato a produrre zanzare geneticamente modificate (ve ne abbiamo parlato qui) che generano esclusivamente prole di sesso maschile. Solo gli esemplari di sesso femminile, infatti, diffondono il protozoo responsabile della malaria.

Pierluigi Lopalco è invece professore ordinario di Igiene all’Università di Pisa. Ha pubblicato oltre 170 articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali. È già consigliere della Regione Puglia, dove ricopre anche il ruolo di coordinatore delle emergenze epidemiologiche e ha gestito dunque l’emergenza coronavirus.