Elezioni, balzo clamoroso di un partito: chi vincerebbe oggi

Quali sono i partiti più avanti e in rimonta nei sondaggi secondo l'ultima rilevazione della Supermedia YouTrend-Agi

Entrati ufficialmente nel mese delle elezioni, mentre i partiti continuano a rivendicare la bontà delle proprie proposte, ce n’è uno che dopo mesi in picchiata nei sondaggi prova la rimonta. Il Movimento 5 Stelle dato da tempo in crisi di consensi sembrerebbe esser riuscito a ottenere il meglio dalla rottura dell’alleanza progressista con il Pd, registrando uno scatto in classifica che secondo alcune rilevazioni potrebbe portarlo anche a insidiare la Lega come terza forza in parlamento: secondo la Supermedia YouTrend/Agi il partito guidato da Giuseppe Conte avrebbe incassato nell’ultima settimana un +0,9% che ne rilancia le ambizioni in vista del voto del 25 settembre (qui per conoscere tutte le agevolazioni e gli sconti per facilitare il voto ai fuorisede)

Elezioni, balzo clamoroso di un partito: le novità

Stando alla Supermedia di YouTrend per Agi, che prende in analisi 11 sondaggi effettuati da 9 istituti diversi nelle ultime 2 settimane, sarebbero tre i punti degni di nota emersi dall’ultima rilevazione:

  • L’allargamento del divario tra FDI e PD, separati da quasi due punti;
  • Il balzo del M5S che in alcuni sondaggi arriva a mettere il fiato sul collo della Lega;
  • La crescita del Terzo Polo, di Azione e Italia Viva, che secondo alcuni sondaggi incombono minacciosi alle spalle di Forza Italia, loro avversario più prossimo nelle percentuali di consensi.

Abbandonato il sogno di Silvio Berlusconi di puntare al 20%, espresso all’indomani della caduta del governo Draghi, il leader di Forza Italia si deve guardare adesso dal pericolo di finire il 26 settembre molto al di sotto della doppia cifra, di crollare alla soglia del 7%, dall’8% attuale, e di rischiare di essere sorpassato addirittura dal Terzo Polo di Calenda e Renzi, abbracciato dalle “disertrici” Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini (qui per sapere quanto spendono i partiti e i politici per i social network).

Non sembra più doversi guarda le spalle invece Giorgia Meloni che con il suo partito ha allungato ancora di più il distacco dall’inseguitore Pd: se per settimane le due forze politiche sembravano potersi contendere il primato in un testa a testa, adesso tra Fdi e il partito di Enrico Letta c’è un divario di due punti percentuali, rispettivamente 24,1% contro 22,3%, e nessun istituto che dà la possibilità al Partito democratico di posizionarsi al primo posto (qui avevamo parlato dei promossi e dei grandi esclusi dalle liste Pd).

Molte più possibilità vengono concesse invece al Movimento 5 Stelle che secondo alcune rilevazioni, come quelle di Euromedia e Ipsos, avrebbe già agganciato la Lega di Matteo Salvini, salendo ben oltre il 12% al culmine di una clamorosa rimonta.

In generale le liste in grado di superare la soglia di sbarramento del 3% sarebbero al momento 7 che potrebbero diventare 8 se Italexit di Gianluigi Paragone, (attualmente intorno al 2,9%) crescesse di quale punto percentuale (qui abbiamo riportato i precedenti sondaggi con il crollo di due partiti).

Elezioni, balzo clamoroso di un partito: i sondaggi

Qui di seguito tutte le percentuali e le variazioni nel consenso registrati nell’ultima rilevazione della Supermedia YouTrend/Agi per quanto riguarda le liste:

  • FDI 24,1 (-0,2)
  • PD 22,3 (-0,4)
  • Lega 13,2 (-0,2)
  • M5S 11,8 (+0,9)
  • Forza Italia 8,1 (-0,3)
  • Terzo Polo 6,2 (+0,3)
  • Verdi/Sinistra 3,5 (+0,1)
  • Italexit 2,9 (+0,1)
  • +Europa 2,0 (-0,3)
  • NCI-UDC 1,8 (-0,4)
  • IPF-Impegno civico 1,1 (=)

Qui invece le percentuali e le variazioni negli ultimi sondaggi relative alle coalizioni:

  • Centrodestra (FDI-Lega-FI-NCI-UDC) 47,2 (-1,0)
  • Centrosinistra (PD-Verdi/SI-+Eu-IPF) 28,9 (-0,6)
  • M5S 11,8 (+0,9)
  • Terzo Polo 6,2 (+0,3)
  • Italexit 2,9 (+0,1)
  • Altri 3,0 (+0,3)