Coronavirus, Italia promossa o bocciata nella gestione della pandemia? Parla l’OMS

Il rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sulla diffusione del virus in Europa e il resto del mondo

Sembra passato tantissimo tempo da quando, chiusi in casa, ascoltavamo ogni giorno il bollettino della protezione civile: le notizie non erano incoraggianti, i contagi da Covid aumentavano così come i morti e noi, di fronte ad una pandemia che stava mettendo in ginocchio l’intero Paese, sembravamo essere impotenti. Cosa potevamo fare se non rispettare le regole? Il Governo ci ha detto cosa fare, Giuseppe Conte ha preso in mano la situazione e, più di tre mesi dopo, alla tanto agognata Fase 3 ci siamo arrivati. Per questo motivo, per come è stata affrontata la situazione, l’Italia sulla gestione della pandemia ha pienamente superato l’esame secondo l’OMS.

Coronavirus, Italia promossa dall’OMS

L’Italia insieme alla Spagna è stato uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia. Il numero di contagi e di morti, nei primi mesi, è stato altissimo, tanto che per molto tempo lo Stato italiano è stato considerato il “lazzaretto” d’Europa. Oggi però i numeri sono incoraggianti, per questo motivo, sopratutto considerando quello che sta succedendo in molte altre parti del mondo, ci viene più facile guardare con speranza al futuro.

Questo vuol dire che il Coronavirus, come aveva detto tempo fa Zangrillo, non esiste più? Che non è proprio così ce lo ha già spiegato l’OMS (clicca qui per approfondire). Gli esperti, al contrario, ci dicono che una seconda ondata del virus dopo l’estate non è da escludersi.

Al momento, però, l’Italia è stata promossa a pieni voti. È vero che abbiamo raggiunto il picco dei contagi e dei morti da Covid nel mese di marzo, ma i numeri sono diminuiti nel corso dei mesi successivi, compreso giugno. E questo, secondo l’Istituto specializzato dell’ONU, dimostra che la politica adottata per il contenimento della pandemia ha funzionato.

Il Brasile preoccupa

L’emergenza sanitaria, seppur da noi sembra star rientrando pian piano, è ancora un problema in diverse parti del mondo. Dal Brasile continuano ad arrivare notizie contrastanti, tant’è che ai dati ufficiali forniti dal Governo di Bolsonaro, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha deciso di rispondere con i propri report. Secondo il bilancio alternativo a quello ufficiale, diramato quotidianamente dall’OMS, in Brasile i morti per Covid sono saliti a 60.194 negli ultimi giorni, mentre il numero complessivo dei contagi è schizzato a 1.426.913.

Si tratta di dati che, seppur in attesa di conferma da parte del ministero della Sanità di Brasilia, oggi sono decisamente preoccupanti, specie dopo l’allarme lanciato da Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms, che durante l’ultima conferenza stampa ha dichiarato che ogni giorno si registrano ben 160 mila contagi da Coronavirus in tutto il mondo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Italia promossa o bocciata nella gestione della pandemia?...