Coronavirus, quanto ci vorrà per uscire dalla crisi: le previsioni della Banca Mondiale

Ci vorranno diversi anni prima che il mondo si riprenda dalla crisi post-pandemia

La promessa di un vaccino in tempi brevi e gli interventi dei vari Governi potrebbero non riuscire a dare lo giusto slancio all’economia, non nell’immediato per lo meno. Di questo ne è convinta l’economista Carmen Reinhart, capo economico della Banca mondiale, che ha affermato che potrebbero volerci non meno di cinque anni per uscire dalla crisi scatenata dal Coronavirus.

Coronavirus, per uscire dalla crisi ci vorranno 5 anni: alcuni paesi più a rischio di altri

Come ha spiegato Reinhart durante una conferenza virtuale organizzata dal quotidiano spagnolo El Pais: “Abbiamo assistito a crolli economici che sono molto al di fuori della norma. Naturalmente, ci saranno degli alti e bassi, ma per una vera ripresa, ovvero quanto tempo impiegherà una persona in media a recuperare il reddito che aveva prima della crisi (il PIL pro capite) ci vorranno almeno cinque anni”.

L’economista, che è anche professoressa alla Harvard Kennedy School, ha aggiunto poi che una volta che i blocchi saranno terminati completamente e le restrizioni non influenzeranno più scambi e commerci, la recessione causata dalla pandemia sarà comunque più evidente e durerà più a lungo in alcuni paesi che in altri.

Meno pessimista l’Ocse: secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, infatti, le previsioni indicano prospettive di ripresa meno negative del previsto, anche se il 2020 segnerà la peggiore recessione dopo quella della seconda guerra mondiale.

Crisi post-pandemia: allarme tassi di povertà

Le cattive notizie, inoltre, sembrerebbero non essere finite. Sempre secondo le previsioni di Reinhart, i tassi di povertà globale aumenteranno vertiginosamente per la prima volta in 20 anni a causa del Coronavirus. A peggiorare la situazione, rispetto ad altre crisi che hanno messo in ginocchio l’economia in passato, è la situazione di incertezza che sta caratterizzando questo periodo. L’andamento del virus non ci permette di fare previsioni e, in questo modo, riesce difficile prepararsi o capire come attutire i colpi.

Il ruolo importante del vaccino

Come affermano gli esperti e come confermato dalla professoressa, un ruolo fondamentale – anche per i mercati e l’economia di tutto il mondo – gioca oggi il vaccino. “Tutto dipende in gran parte dalla rapidità con cui sarà disponibile un vaccino, da quanto velocemente vi sarà accesso globale ad esso e se, nell’attesa, ci sarà un altro picco di contagi nei prossimi mesi”, ha spiegato.

Questa settimana i casi di Coronavirus in tutto il mondo hanno superato i 30 milioni secondo il tracker COVID-19 della Johns Hopkins University. La cifra è raddoppiata in circa due mesi, dopo i 15 milioni registrati a luglio. Finora sono state attribuite al Covid oltre 946 mila morti. Se i numeri continuano a crescere, quindi, le cose potrebbero peggiorare.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, quanto ci vorrà per uscire dalla crisi: le previsioni de...