Scoppia il caso concorso al Comune di Roma, prova annullata: cos’è successo e come fare ricorso

Partono i primi ricorsi per la prova per il profilo di funzionari amministrativi di Roma, dopo l'annullamento della sessione

Passo falso nella stagione di riforme della Pubblica amministrazione. Il concorsone del Comune di Roma è stato interrotto a sessione in corso e rinviato ad altra data, scatenando il caos e le proteste tra i 1.500 candidati. L’ultima prova del profilo di funzionari amministrativi è stata infatti rimandata dopo che uno degli esaminandi ha fatto notare due risposte uguali in una delle 60 domande del test a scelta multipla. Per questo è stato necessario il rinvio al prossimo 5 luglio.

Scoppia il caso concorso al Comune di Roma, prova annullata: cos’è successo

Lo stop è arrivato per la mancanza di quesiti di riserva e soprattutto a causa di un limite tecnico riscontrato nel sistema: il software utilizzato per lo svolgimento della prova non permetteva di tornare indietro e reimpostare la prova con delle nuove domande.

Al presidente della commissione non è rimasta altra scelta che annullare la sessione e rimandare a casa tutti i candidati.

Solo successivamente è arrivata la comunicazione sulla data del rinvio da parte dell’assessorato al Personale di Roma Capitale: “La sessione odierna del concorso per Funzionario Amministrativo bandito da Roma Capitale, che si sarebbe dovuta svolgere questa mattina (25 giugno, ndr) alle ore 8,30 presso la Fiera di Roma, si svolgerà il prossimo 5 luglio 2021“.

”La presidente della Commissione ha comunicato che a causa di un problema tecnico la prova di questa mattina è stata annullata e che non è stato possibile rinviarla al pomeriggio, dal momento che alle ore 14,30 erano già convocati oltre 3300 candidati per la prova da Funzionario Assistente Sociale. In giornata sarà pubblicato il nuovo calendario della convocazione relativa alla sessione annullata” è stato spiegato nella nota del Comune.

Scoppia il caso concorso al Comune di Roma, prova annullata: i primi ricorsi

Prevedibile la rabbia dei 1.500 candidati provenienti da tutta Italia per partecipare al concorso nei padiglioni della Fiera di Roma.

Costretti, nel bel mezzo della prova, a tornare a casa con un nulla di fatto, molti di questi, dopo aver investito centinaia di euro per aerei, treni e alloggi, stanno valutando gli estremi per presentare reclamo e ottenere un rimborso delle spese affrontate per svolgere la prova.

In questo senso, da parte del Codacons è già stata presentata alla Procura di Roma una class action per risarcire gli esaminandi: “Chi ha partecipato oggi al concorso annullato ha subito un duplice danno – ha spiegato il presidente Carlo Rienzi, annunciando la creazione di una sezione apposita sul sito dell’associazione – Quello morale legato allo stress e alla necessità di sostenere una nuova prova, e quello materiale legato alle spese per viaggi, alloggi, tamponi, costi di cui ora il Comune di Roma dovrà farsi carico”.

I partecipanti del concorso che non hanno passato la prova hanno intanto fatto ricorso al Tar per un errore analogo in che sarebbe stato riscontrato in un’altra sessione, ma che non ha determinato l’annullamento della prova.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scoppia il caso concorso al Comune di Roma, prova annullata: cos&#8217...