Bonus 600 euro, ecco i primi due “furbetti”: chi sono e quanto guadagnano Dara e Murelli

La Lega svela prima dell'udienza di Tridico alla Camera i nomi dei suoi deputati che hanno chiesto e ottenuto il bonus Covid per le partite Iva

Montecitorio aveva appena fissato a venerdì 14 agosto il giorno in cui svelare la verità sui deputati che hanno richiesto e ottenuto il bonus 600 euro Covid: il presidente dell’Inps Pasquale Tridico era stato infatti convocato in commissione alla Camera per fare i nomi dei “furbetti” del bonus partite Iva.

La Lega svela i nomi

Dopo le prime autodenunce di politici locali coinvolti, la Lega ha però anticipato i tempi, pubblicando i nomi dei suoi due deputati coinvolti – il terzo sarebbe in quota Movimento 5 Stelle – e comunicando la sospensione immediata dei due parlamentari. Ma chi sono costoro? Come da primi rumors circolati nelle fila del Carroccio, si tratta di Andrea Dara ed Elena Murelli, salviniani di strettissima osservanza.

Il capogruppo della Lega Riccardo Molinari ha spiegato che, “pur non avendo violato alcuna legge, è inopportuno che parlamentari abbiano aderito a tale misura e per questa ragione abbiamo deciso e condiviso con i diretti interessati il provvedimento della sospensione”.

Ma dopo la sospensione dei due leghisti, Molinari non ha perso occasione di attaccare il presidente dell’Inps Tridico. “È comunque incredibile che i vertici dell’Inps non abbiamo versato ai lavoratori che aspettano da marzo quanto dovuto e che abbiano invece versato a chi non era in difficoltà. In qualsiasi altro Paese i parlamentari sarebbero stati sospesi ma il presidente dell’Inps sarebbe stato licenziato” ha chiosato.

Chi sono Andrea Dara e Elena Murelli

Dara, 41 anni, è un piccolo imprenditore del tessile. Nato a Castel Goffredo in provincia di Mantova il 7 gennaio 1979, è stato eletto nella circoscrizione Lombardia 4 nelle file della Lega. È stato consigliere comunale a Castiglione delle Stiviere, dove possiede ufficialmente anche otto case, dal 2007 al 2011, poi vicesindaco nel 2016 fino alla sua elezione alla Camera. Come si legge nella dichiarazione consegnata a Montecitorio, nel 2019 ha dichiarato redditi per 109.324 euro.

Elena Murelli invece, 45 anni piacentina, si occupa di consulenza in materia di finanziamenti europei e ha un contratto di docenza con l’Università Cattolica di Piacenza. Laurea in Economia e commercio e master in Gestione dell’economia di rete, ha iniziato la sua carriera politica nel consiglio comunale di Podenzano nel 2001.

Anche lei, come Dara, lo scorso anno ha dichiarato un reddito totale di oltre 100mila euro, 106.309 euro per l’esattezza. Curioso notare che, tra i provvedimenti che ha proposto da prima firmataria, ci sono anche una riforma della struttura organizzativa di Inps e Inail e una modifica all’esclusione dei condannati per gravi delitti dal beneficio del reddito di cittadinanza.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bonus 600 euro, ecco i primi due “furbetti”: chi sono e qu...