Salvini spinge Draghi al Quirinale, il “piano” del leghista 

Che, secondo molti, punta dritto a Palazzo Chigi. Renzi, intanto, pronta ad entrare a gamba tesa nella partita

Il primo tempo della lunghissima partita per la corsa al Quirinale è ufficialmente iniziato in una scuola della Capitale con il Presidente della Repubblica Mattarella che, rivolgendosi ai giovanissimi, ha escluso l’ipotesi di un secondo mandato. Niente bis, dunque.

“Tra 8 mesi il mio incarico termina, io sono vecchio, tra qualche mese potrò riposarmi”. Queste le parole scelte dal Capo dello Stato per dire che non ha nessuna intenzione di seguire le orme di Giorgio Napolitano.  

La partita per il Quirinale, il “piano” di Salvini

Dichiarazioni che non sono passate inosservate a Matteo Salvini che ha fatto subito il nome dell’attuale Presidente del Consiglio Mario Draghi.Febbraio è lontano, ora ci sono altre emergenze, noi non abbiamo candidati nostri come è giusto che sia per il Quirinale. Certo, se il Presidente Draghi si volesse proporre, avrebbe il nostro convinto sostegno”, dice il leader della Lega.

Parole che nascondono un messaggio politico piuttosto chiaro: va da sè infatti che eleggere Draghi al Quirinale nel febbraio del 2022 significa andare alle elezioni anticipate subito dopo, visto che è decisamente complicato immaginare un governo diverso da questo.
Senza contare che promuovendo l’ex Presidente della BCE al Colle, rimarrebbe vacante la sedia di Palazzo Chigi che il leader della Lega occuperebbe ben volentieri.

Salvini ha fretta. Stando al  sondaggio SWG svelato lunedì 17 maggio al Tg La7 del direttore Enrico Mentana il partito di Giorgia Meloni scavalca il Pd di Enrico Letta piazzandosi al secondo posto nelle intenzioni di voto delle forze politiche.

Un sorpasso dal valore altamente simbolico che apre a due riflessioni politiche:  il momento di difficoltà del PD di Enrico Letta e, soprattutto, il fatto che la Meloni tallona sempre più da vicino il leader della Lega, per un derby in casa centrodestra che rischia seriamente di penalizzare il leghista.

Intanto, sulla partita del Quirinale, per il dopo Sergio Mattarella, è pronto a dire la sua Matteo Renzi, uscito dai radar nell’ultimo periodo dopo aver portato a termine l’operazione che Conte e Draghi. Il leader di Iv è pronto a tornare e stavolta avrebbe scelto di puntare su un altro cavallo, Pierferdinando Casini, come ha rivelato il Corriere della Sera.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salvini spinge Draghi al Quirinale, il “piano” del leghist...