Salvini prepara il Papeete bis? L’indiscrezione che agita il Governo

La versione "più politicamente corretta", con sfumature europeiste e dialetticamente più moderata non sembra convincere una bella fetta dei sostenitori del Leader della Lega, ora al bivio

Archiviata anche la seconda Pasqua blindata, palla di nuovo al Presidente del Consiglio Mario Draghi. A lui, infatti, il difficile compito di mettere mano al dossier (bollente) delle riaperture con Matteo Salvini in pressing. Passato dai banchi dell’ opposizione a quelli (sembrerebbe più scomodi e meno premianti)del Governo, il leader del Carroccio fa sempre più fatica a far digerire ai suoi elettori il protrarsi delle restrizioni, a oggi previste fino ai primi di maggio.

E se davanti ai microfoni ha mantenuto almeno finora un “low profile” che convince poco chi lo conosce bene, dietro le quinte stando ai rumors si starebbe battendo con ogni mezzo per arrivare a un allenamento delle restrizioni con qualche giorno d’anticipo. A dettare la linea, come ha ribadito il Premier, la curva dei contagi che rischia di rovinare i piani di Salvini.

La versione “più politicamente corretta”, con sfumature europeiste e dialetticamente più moderata non sembra convincere una bella fetta dei suoi sostenitori e, col passare dei giorni, diminuisce anche il consenso. Giorgia Meloni intanto, unica dei big rimasta fuori dal “Governo dei migliori” vola nei sondaggi. E ovviamente ringrazia.

Cosa fare? A svelare quel che avrebbe in mente (condizionale è d’obbligo il leader della Lega) un’ indiscrezione bomba lanciata nelle scorse ore da Dagospia e già rimbalzata sugli organi di stampa. Salvini è a un bivio: “O ottiene un risultato eclatante in chiave economica per le partite Iva della Lega Nord dissestate dalla pandemia o ritorna all’opposizione. Il Carroccio moderato guidato da Giorgetti e Zaia, ovviamente, non sarebbe favorevole ma alla fine farebbe spallucce e cederebbe”.

Insomma, non è da escludersi un possibile Papeete bis, replicando lo strappo estivo che portò il leghista dal governo gialloverde all’opposizione. Uno scenario che creerebbe un “bel” (si fa per dire) problema al Colle e al Presidente della Repubblica Mattarella che non senza difficoltà ha messo in piedi un esecutivo anomalo con l’incarico di portare a termine, su tutte, la missione Recovery Plan.

La mossa, di certo, non piacerebbe all’Europa che vede in Mario Draghi sì una garanzia ma che da solo, stavolta, non potrebbe salvare la faccia del nostro Paese, qualora Salvini dovesse cambiare ancora una volta le carte in tavola.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salvini prepara il Papeete bis? L’indiscrezione che agita il Gov...