Quanti vaccini sono previsti entro giugno secondo Speranza

Il ministro ha poi spiegato come va la campagna di vaccinazione: la data per vaccinare tutti gli over 60

Notizie altalenanti sul fronte vaccini. Dopo i dubbi su Johnson & Johnson e la conseguente sospensione del siero, e dopo i 6,8 milioni di dosi Pfizer-BioNTech annunciati da Figliuolo entro giugno, un altro numero, ancora una volta incoraggiante, viene fornito da Roberto Speranza. “Prudenzialmente il commissario straordinario Figliuolo sta lavorando su 45 milioni di dosi in arrivo entro giugno“, così il ministro della Salute durante un intervento alla Camera.

Come sta andando la campagna di vaccinazione: i numeri di Speranza

I numeri della campagna vaccinale sono stati forniti dal titolare del dicastero durante l’intervento in Parlamento: 14 milioni le dosi ricevute tra dicembre e marzo dall’Italia, un totale che sarebbe destinato a triplicarsi entro giugno.

Per evitare che i preziosi preparati restino per troppo tempo stipati nei magazzini, bisognerà quindi tenere il passo con l’incremento di forniture e aumentare i ritmi di somministrazione. È un punto su cui Speranza ha molto battuto, ricordando che la campagna nazionale di profilassi può adesso farsi forte del contributo di pediatri, farmacisti, medici di base e un protocollo sottoscritto dal ministero del lavoro e della Salute, indispensabile a vaccinare sul luogo di lavoro.

Quando saranno vaccinati gli over 60, i piani del Ministero per l’immunità di gregge

Gli obiettivi del piano del governo per uscire dalla pandemia prevedono “la somministrazione della prima dose al target degli over 60 entro il secondo trimestre“, ha spiegato il numero uno della Salute. Poi la bacchettata a De Luca, che negli ultimi giorni ha manifestato l’intenzione di smarcarsi dalle linee guida nazionali: “Ora tutte le Regioni devono attenersi a queste indicazioni – ha detto il ministro – vaccinare gli anziani è corretto perché ci permette di salvare vite umane”.

La campagna di vaccinazione è stata la premessa fondamentale anche della conferenza stampa di Draghi, che avrà fatto la felicità dei cosiddetti “aperturisti“. Entro l’1 giugno e a intervalli di circa 15 giorni, a cominciare dal prossimo 26 aprile, alzeranno le serrande servizi di ristorazione, luoghi dedicati agli spettacoli, le piscine, gli stabilimenti balneari e infine i poli fieristici: “Se i comportamenti sono osservati, e sulla campagna vaccinale non ho dubbi che sarà sempre meglio, la possibilità che si torni indietro è molto bassa e in autunno la vaccinazione sarà molto diffusa”, queste le parole di Mario Draghi all’incontro con i giornalisti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quanti vaccini sono previsti entro giugno secondo Speranza