Pass vaccinale allo studio: ecco dettagli e vantaggi dell’App per viaggiare

Un pass vaccinale su cui non tutti sono d'accordo, ma l'idea sta prendendo corpo nell'ambito del governo, tanto che già si sta studiando la modalità: cartacea o elettronica?

Le riaperture e la ripartenza di tutte le attività dopo la fase più acuta della pandemia non possono prescindere dalla creazione di un lasciapassare, un pass vaccinale, che attesti o l’avvenuta vaccinazione o l’effettuazione di un test negativo o l’avvenuta guarigione dopo il contagio.

Insomma una sorta di garanzia di immunità temporanea o parziale, che potrebbe consentire ad un individuo di spostarsi fra le regioni, viaggiare e partecipare ad eventi quali concerti, fiere o partite di calcio, ma anche andare in palestra e nei luoghi più affollati.

Un pass vaccinale su cui non tutti sono d’accordo, ma l’idea sta prendendo corpo nell’ambito del governo, tanto che già si sta studiando la modalità: cartacea o elettronica? C’è un fattore da tener conto: il tempo è poco per far ripartire la stagione turistica.

Dalla carta al bit

In un primo momento il pass potrebbe essere cartaceo, considerando che le riaperture sono previste a stretto giro, ma in seguito si studia una modalità digitale, che potrebbe essere una tessera, da realizzare con l’ausilio di Poste Italiane, o anche una App per smartphone con un codice QR, secondo un modello che Bruxelles sta pensando di introdurre.

Se la soluzione prescelta fosse l’App si potrebbe anche sfruttare l’App IO, ideata per il tracciamento della pandemia e già usata per il Cashback.

Il funzionamento sarebbe semplice: ad ogni evento come una dose di vaccino, un tampone, il contagio corrisponderebbe un codice a barre bidimensionale (codice QR) che verrebbe letto da appositi lettori per consentire lo spostamento o la partecipazione all’evento.

I vantaggi del digitale

Indubbiamente, la soluzione dell’App garantirebbe velocità di applicazione e standardizzazione a livello più ampio, ad esempio in ambito europeo.

La migliore fruibilità, grazie all’utilizzo dello smartphone, renderebbe questo strumento efficace per combattere il diffondersi del contagio.

I precedenti

Il pass vaccinale non è una novità italiana ed europea, alcuni Paesi l’hanno già usata, ad esempio Israele che ha portato avanti con successo la campagna vaccinale.

Anche in USA il pass ha già trovato applicazione nello Stato di New York, dove è attiva l’App “The Excelsior Pass” per partecipare ad eventi. Il sistema è stato ideato da IBM e fa uso della tecnologia bloclchain che garantisce quindi anche la tutela dlela privacy.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pass vaccinale allo studio: ecco dettagli e vantaggi dell’App pe...