La Mindfulness è un percorso, il quarto passo: essere gentili con se stessi

Va bene darsi delle sfide, ma dobbiamo imparare a goderci la strada verso gli obiettivi e non ad avere stima di noi solo se raggiungiamo un determinato risultato

Foto di Francesco Solinas

Francesco Solinas

Executive Business Coach

Pluriennale esperienza come Business Executive Coach presso aziende, pratica meditazione ed ha approfondito i benefici della mindfulness nel mondo del business.

C’è poi un lavoro molto importante che a volte dimentichiamo. Dobbiamo davvero imparare di più a mio avviso a volerci bene. A riconoscere in noi la parte che ce la mette tutta, abbassando il dito che puntiamo a noi stessi e non si accontenta di come siamo ma vorrebbe da noi sempre di più.

Va bene darsi delle sfide, ma dobbiamo imparare a goderci la strada verso gli obiettivi e non ad avere stima di noi solo se raggiungiamo un determinato risultato. In più, se siamo poco benevoli con noi stessi non riusciamo a farlo neanche con gli altri, perché la tensione e severità che c’è in noi inevitabilmente la proiettiamo sugli altri.

Quindi il consiglio è di mollare la presa con il nostro senso di inadeguatezza e con le nostre continue aspettative, che ci rendono troppo critici con noi stessi, con gli altri e ci fanno perdere la sintonia col mutare degli eventi.
La Minduflness anche qui ci insegna, invece, ad accogliere quello che c’è, a godere di ciò che abbiamo piuttosto che di quello che ci manca.

Quando ci accorgiamo di essere troppo giudicanti, facciamo qualche respiro consapevole portando un pensiero benevolo nei nostri confronti e magari alleggerendo la presa all’etichetta che mettiamo agli altri. In questo modo sosteniamo la nostra visione saggia delle cose e non ci attacchiamo a pensieri inquinanti nelle esperienze che viviamo.

Beneficio del quarto passo: benessere interiore grazie all’abbassamento del giudizio verso noi stessi e gli altri.