Ospedali Covid nel mirino, sanità in Campania travolta a un mese dalle elezioni

Una bufera si abbatte sulla sanità campana a un mese dalle elezioni regionali, in particolare sulla gestione partenopea dell'emergenza Covid, per cui è scattata un'inchiesta

Una bufera si abbatte sulla sanità campana a un mese dalle elezioni regionali, in particolare sulla gestione partenopea dell’emergenza Covid.

Quattro persone, tra cui alcuni fedelissimi del governatore Vincenzo De Luca, sono state iscritte nel registro degli indagati in un’inchiesta della procura di Napoli sulla realizzazione degli ospedali Covid in Campania.

L’indagine

Sono stati perquisiti e sequestrati computer e smartphone. In particolare, secondo le prime ricostruzioni, risultano indagati il presidente di Soresa Corrado Cuccurullo, il manager dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva, il consigliere regionale Luca Cascone e l’ing. Roberta Santaniello, componente dell’Unità di crisi regionale e del gabinetto della giunta per la Protezione Civile.

Cascone è finito sotto i riflettori per aver messo in contatto durante la fase più acuta dell’emergenza la Soresa, società aggiudicatrice della gara, con possibili fornitori di mascherine, ventilatori polmonari e altro materiale, pur non ricoprendo formalmente alcun ruolo in seno all’unità di crisi. Non è stata disposta invece la perquisizione nei confronti del presidente della Soresa Corrado Cuccurullo, ma è stato messo sotto sequestro il suo computer.

L’accusa

L’accusa è di concorso in turbativa d’asta e frode in pubbliche forniture in relazione a presunte “criticità” ipotizzate “in relazione alle procedure di aggiudicazione e di esecuzione” dei lavori per la realizzazione, in particolare, dell’ospedale modulare di Ponticelli. Si indaga anche con riferimento “alle altre gare indette nel periodo dell’emergenza”.

Il governatore De Luca, tra i personaggi più discussi durante l’emergenza Covid, per aver ad esempio obbligato all’uso delle mascherine, aveva puntato molto sulla realizzazione dei Covid hospital, strutture prefabbricate con 72 posti letto in terapia intensiva, nelle città di Napoli, Salerno e Caserta.

Una gara d’appalto da oltre 15 milioni di euro aggiudicata dalla centrale regionale per gli acquisti Soresa, con la procedura di somma urgenza consentita dalla legge alla società padovana Med-Manufactoring engineering & development.

Le immagini dell’arrivo dei 57 camion a Ponticelli erano diventati virali con i residenti che dai balconi applaudivano all’arrivo dei mezzi pesanti partiti da Padova.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ospedali Covid nel mirino, sanità in Campania travolta a un mese dall...