Governo, Renzi disinnesca la crisi. Per ora

Il rischio di una crisi natalizia, nel bel mezzo della seconda ondata, sembra essere scongiurato per ora. Ma più che pace è ancora tregua armata

Tutto risolto? E’ ancora presto per dirlo perchè sono tanti i nodi da sciogliere nella maggioranza ma il rischio di una crisi natalizia, nel bel mezzo della seconda ondata, sembra essere scongiurato. Per ora, ovviamente.

L’incontro di ieri a Palazzo Chigi, durato più di due ore,  senza i leader di partito e quindi senza Renzi, non può far ancora esultare per il pericolo scampato ma qualche apertura, almeno dialettica, c’è.

E arriva dalla capodelegazione Bellanova che, a margine di un vertice comunque teso ma costruttivo,  ha parlato di “risposte positive” arrivate dal Premier. “Finalmente Conte ha preso atto che le proposte di Italia Viva sono assolutamente positive e la task force nel testo” del Recovery Fund che “ci è stato mandato ieri sera non c’è più. E’ un passo avanti”, ha detto.

Ma più che pace è ancora tregua armata . A chi le chiede se siano finiti “i pretesti” per far cadere il governo Bellanova risponde: “E’ un pretesto dire che secondo l’Inps in questo paese le assunzioni sono calate del 34%? E’ un pretesto dire che servono poderose politiche attive perché se non ci rendiamo conto che, continuando con i bonus e la Cig, quando finirà il blocco di licenziamenti ci ritroveremo assieme a milioni di disoccupati?”.

“Stiamo cercando di dare il nostro contributo. Il problema di questo Paese non è se Bellanova o Bonetti si dimettano, ma dare risposte ai cittadini”,  dice la capodelegazione di Iv. “Basta con i bonus, serve discutere di politiche attive”, osserva. Per la ministra dell’Agricoltura “oggi si è fatto un passo avanti. Discutiamo nel merito delle questioni”.

Il senatore Renzi intanto nella sua enews continua a tirare in ballo il Premier: “La palla adesso è nelle mani del Presidente del Consiglio”. Non resta, dunque, che aspettare: nelle prossime ore Italia Viva consegnerà  un documento con le sue osservazioni sul Recovery plan. Ma è settimana prossima che si entra davvero nel vivo quando bisognerà trovare una sintesi che accontenti tutti fino al Consiglio dei Ministri che dovrà dare via libera al piano. 

Fin qui, i fatti. Ma bisogna fare i conti con le incognite, su tutte capire cosa ha intenzione di fare Matteo Renzi. La partita, appena iniziata, infatti, è tutta nella testa dell’ex Premier e potrebbe regalare l’ultimo coup de théâtre.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo, Renzi disinnesca la crisi. Per ora