Governo, incognita giustizia sulla crisi: dimissioni di Conte più vicine?

Il Premier resiste ma cresce il pressing che lo potrebbe spingere, nelle prossime ore, ad imboccare la strada che porta al Colle per un Conte-ter

Con il passare delle ore, la crisi scoppiata nel mezzo della pandemia somiglia sempre più alla scena di un film Sergio Leone, giunta a quello cinematograficamente si chiama “stallo messicano”, in cui tutti cioè si tengono sotto tiro a vicenda con le armi.

L’obiettivo dichiarato di cercare di ampliare la maggioranza, dopo il semaforo verde in Senato – ottenuto con numeri striminziti – è un’operazione alquanto complicata che non è mai decollata. 

VERSO IL CONTE TER – I vertici Dem ribadiscono il no al rientro di IV nella maggioranza, ma aumentano i parlamentari Pd che non sono disposti a “morire per Conte” che resiste e cerca di evitare dimissioni e reincarico per un Conte ter, ipotesi però che prende quota non potendo contare sull’arrivo in tempi stretti di nuovi “volenterosi”. “Ho fatto quello che potevo – dice in una intervista a la Repubblica Bruno Tabacci, presidente di Centro Democratico e tra i principali promotori dei “costruttori” – ma i numeri restano incerti e a questo Paese non serve una maggioranza raccogliticcia. A Conte ho suggerito un gesto di chiarezza: dimettersi per formare un nuovo governo. E se non ci riesce, si va al voto. Per vincere”.

Il tempo sta per scadere. “O nei prossimi giorni si trova la maggioranza, altrimenti sono il primo a dire che stiamo scivolando verso il voto”, ammette anche il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Mezz’ora in più su Rai3. “Solo che in tempi normali si poteva votare anche ogni anno, in questi tempi ci giochiamo Recovery, vaccini e futuro della ripresa economica”, ha aggiunto.

MINA GIUSTIZIA – Lo stallo però potrebbe saltare presto, già mercoledì sulla relazione del ministro Bonafede alle Camere, con il Governo che rischia di andare sotto, tanto che si ipotizza uno slittamento a giovedì per guadagnare tempo. I pentastellati, intanto, fanno quadrato attorno al ministro.

“Il lavoro del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per migliorare e riformare il campo della giustizia è sotto gli occhi di tutti. Il Paese sta attraversando un momento complicato, ma anche in questo difficile anno, dove i tribunali sono rimasti chiusi a causa della pandemia, la giustizia non si è mai fermata ed è stato portato avanti un grande lavoro per aumentare notevolmente la digitalizzazione del processo”. Così in una nota di deputati e le deputate del MoVimento 5 Stelle, componenti della commissione Giustizia della Camera. “Ci sembra alquanto paradossale quindi, minacciare di non votare la relazione annuale sullo stato della giustizia, senza nemmeno averla ascoltata”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo, incognita giustizia sulla crisi: dimissioni di Conte più vic...