Governo Draghi: Cinquestelle al televoto su Rousseau dopo via libera a Ministero green

Entro stasera si conoscerà il verdetto degli iscritti alla piattaforma Rousseau sulla partecipazione del Movimento 5 Stelle al Governo Draghi.

Entro stasera si conoscerà il verdetto degli iscritti alla piattaforma Rousseau sulla partecipazione del Movimento 5 Stelle al Governo Draghi. La conferma che nel prossimo governo ci sarà spazio per un ministro della Transizione Ecologica ha infatti sbloccato le votazioni dopo che in un primo momento erano state rimandate.

“Sei d’accordo che il MoVimento sostenga un governo tecnico-politico: che preveda un super-Ministero della Transizione Ecologica e che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento, con le altre forze politiche indicate dal presidente incaricato Mario Draghi?”. È la domanda a cui dovranno rispondere i quasi 120mila iscritti al M5S che hanno diritto al voto.

DI MAIO: “IO VOTO SI” – Un appello al sì è immediatamente arrivato da Luigi Di Maio in una diretta via Facebook. “Il fatto che domani si eserciti la democrazia diretta per far partire il terzo governo è un atto importantissimo – ha detto l’attuale ministro degli Esteri – Voto sì anche perché Mario Draghi ha garantito che non si toccherà il reddito di cittadinanza e non si è citato il MES, su cui avremo un’altra volta ragione noi. Se qualcuno avrà voglia di puntare il dito potrà farlo, è un suo diritto, ma io a vedere gli altri spendere 240 miliardi non ci sto”.

GRILLO LA SPUNTA SUL MINISTERO GREEN – Ideatore della proposta del “super-Ministero” è stato Beppe Grillo, che l’ha presentata a Mario Draghi nel corso della riunione a cui ha partecipato con la delegazione dei parlamentari del M5S. “Un’ottima notizia. Un’importante innovazione a beneficio dell’Italia proposta da Beppe Grillo, che come sempre sa guardare lontano”, ha scritto lo stesso Di Maio su Twitter.

CONTE: “FOSSI ISCRITTO VOTEREI SI” – A favore del sì si è esposto anche Giuseppe Conte: “Se fossi iscritto a Rousseau voterei si perché ci sono tali urgenze che comunque è bene che ci sia un governo”, ha detto il premier uscente, Giuseppe Conte che ha risposto alla domanda in merito a un suo possibile ruolo come presidente del M5S: “non ambisco a incarichi personali e formali, l’importante è avere una traiettoria politica da offrire agli elettori”.

Le votazioni si svolgeranno dalle 10 alle 18. L’annuncio che ha sbloccato il referendum è arrivato dopo le consultazioni del presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi con il Wwf Italia.  “Accogliamo con soddisfazione la conferma arrivata da Draghi sulla creazione del ministero della transizione ecologica che metterà al centro i temi ambientali”, ha detto la presidente Donatella Bianchi subito dopo l’incontro. Ieri infatti è stata la volta delle parti sociali, coinvolte da Draghi nel giro di consultazioni per la formazione del nuovo esecutivo.

Frattanto, si attende anche lo scioglimento della riserva di Mario Draghi, che nelle prossime ore dovrà chiedere un nuovo incontro al Presidente Sergio Mattarella. L’assenso corale delle parti sociali al suo programma, così come quello della gran parte dei partiti politici, dà all’ex Presidente della BCE tutte le chance di ottenere una piena fiducia in Parlamento e portare avanti Recovery e riforme.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo Draghi: Cinquestelle al televoto su Rousseau dopo via libera a...