Governo Conte salvo (per ora). Rischio instabilità e Recovery

A quanto pare il Premier salirà oggi al Colle, non prima di aver riunito un vertice di maggioranza, che dovrà tirare le somme di una "vittoria" che lascia l'amaro in bocca.

Il Governo di Giuseppe Conte ha incassato la fiducia, con un passaggio “stretto”, quasi angusto, superando di poco la soglia della “salvezza” (155 voti) e lontanissimo dal traguardo che gli avrebbe garantito la maggioranza assoluta (161 voti). Il giorno della fiducia al Senato, vero scoglio per Palazzo Chigi, chiude con numeri che lasciano grande incertezza: 156 voti a favore, 140 contrari e 16 astenuti.

Il tutto grazie alla riammissione al voto, già “contestata”, di Alfonso Ciampolillo, ex M5S passato al Gruppo Misto, e Riccardo Nencini di Italia Viva, che hanno votato sì alla fiducia in extremis, unendosi ai voti a favore di due senatori forzisti Maria Rosaria Rossi e Andrea Causin, ormai fuori da Forza Italia.

Numeri “decisamente deludenti” li ha definiti Matteo Renzi, che però non esclude la possibilità di un governo di unità nazionale, mentre il Premier già pensa a riorganizzare la squadra di maggioranza, cui promette un programma chiaro e definito. “Ora l’obiettivo è rendere ancora più solida questa maggioranza”, scrive su Twitter dopo il sì al Senato.

A quanto pare il Premier salirà oggi al Colle, non prima di aver riunito un vertice di maggioranza, che dovrà tirare le somme di una “vittoria” che lascia l’amaro in bocca. UNa nuova stagione per il Governo Conte Bis, che verterà sui programmi. “L’Italia non ha un minuto da perdere. Subito al lavoro per superare l’emergenza sanitaria e la crisi economica. Priorità a piano vaccini, Recovery Plan e dl ristori”, scrive Conte su Twitter.

Il braccio di ferro Renzi-Conte si chiude così con nessun vincitore e tanti sconfitti, a scapito dell’Italia, che si appresta a vivere un periodo di instabilità politica. Un rischio che anche Bruxelles sta valutando con grande attenzione, in vista della partita del Recovery.

“Il lavoro sul Recovery plan italiano è in corso e spero che l’instabilità politica in Italia non metta a repentaglio questo lavoro perché l’Italia è il maggiore beneficiario e bisogna assicurarsi che i fondi arrivino, sono molto importanti per la ripresa in Italia”, afferma il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis al termine dell’Ecofin.

E proprio la riunione dei ministri economici e finanziari dell’Eurozona, in un clima di crescente preoccupazione per la crisi politica italiana, ha esaminato i Piani di Ripresa di 11 Stati membri, fra cui l’Italia, che come ha fatto notare il Commissario Paolo Gentiloni, “ha una buona base” e si rivela “convergente” con gli obiettivi della Commissione europea, ma “deve essere discusso e rafforzato” sotto il profilo delle riforme, degli obiettivi e dei tempi.

L’iter è appena iniziato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Governo Conte salvo (per ora). Rischio instabilità e Recovery