Elezioni 2022, c’è stato un altro sorpasso nei sondaggi

Manca sempre meno al giorno del voto, chi governerà l'Italia dopo il 25 settembre? C'è stato un altro sorpasso nei sondaggi, ma la sfida resta ancora aperta

Manca sempre meno al giorno del voto e la campagna elettorale è ormai entrata nel vivo: chi governerà l’Italia dopo il 25 settembre? Tra comizi in piazza, interventi in tv e sui social, satira e qualche polemica, c’è stato un altro sorpasso nei sondaggi, ma la sfida resta ancora aperta.

Chi vincerebbe le elezioni se si andasse a votare oggi

In campagna elettorale tutto può essere decisivo: un passo falso, una dichiarazione uscita male, un video diventato virale e le preferenze degli italiani – spesso – cambiano. Così i politici hanno deciso di investire sui propri canali social per arrivare a più persone possibile (qui chi spende di più), sbarcare su TikTok per parlare ai giovani e promuovere i propri programmi tutte le volte che si presenta l’occasione.

Sta funzionando? Per molti sì.

Fino a qualche giorno fa, infatti, la popolarità di Giuseppe Conte aveva fatto guadagnare punti al Movimento 5 Stelle, portandolo in testa ai sondaggi (qui i numeri). Nelle ultime ore, però, qualcosa è di nuovo cambiato.

Secondo l’ultima ricerca realizzata da da Swg per conto di La7, Giorgia Meloni si attesta ora al 25,8% (il massimo raggiunto ad oggi), un punto in più rispetto alla rilevazione dello scorso 29 agosto (quando Fratelli d’Italia aveva registrato il 24,8% delle preferenze). Il Pd si guadagna la seconda posizione in classifica, ma riportando una perdita in termini di apprezzamento: era al 22,3% mentre adesso è sceso al 21,4%.

A seguire troviamo Lega e Movimento 5 Stelle, rispettivamente al 12,% (-0,4% rispetto all’ultima rivelazione) e all’11,9%. Il cd. Terzo Polo formato da Azione e Italia viva ha raggiunto invece il 7,2% di preferenze (+0,4), mentre in fondo troviamo Berlusconi: Forza Italia è al 6,7% nei sondaggi (registrando un calo delle preferenze pari al 0,6% rispetto all’ultima rilevazione).

Elezioni 2022, cosa ha promesso Giorgia Meloni in caso di vittoria

Ci sono alcuni punti del programma elettorale di Fratelli d’Italia su cui Giorgia Meloni sta particolarmente insistendo, facendosi portavoce degli interessi dei suoi elettori e rimarcando la sua intenzione a procedere in caso di vittoria. Tra questi: la flat tax, il mantenimento delle unioni civili con il divieto di adozione per le coppie cd. arcobaleno, ma anche un ipotetico blocco navale su cui però gli esperti hanno avanzato delle perplessità (di fatto, non sarebbe realizzabile).

Sul fronte tasse e riforma fiscale, il suo partito si dice intenzionato a contrastare l’evasione fiscale, anche se con un sistema che negli altri Paesi non sta proprio funzionando (ve ne abbiamo parlato qui). Mentre sul lavoro l’azione di Fratelle d’Italia mira a bloccare l’introduzione di un salario minimo e a rivedere il reddito di cittadinanza (qui come può cambiare dopo le elezioni).

C’è poi l’idea di promuovere una “riforma presidenziale dello Stato”, l’attuazione del cd. federalismo fiscale e la “tutela della Patria” con conseguente “e radici classiche e giudaico-cristiane dell’Europa e dei suoi valori fondamentali di libertà, democrazia, solidarietà, sussidiarietà e giustizia”. Infine, “la difesa dei confini nazionali ed europei come previsto dal Trattato di Schengen e richiesto dall’Ue, con controllo delle frontiere e blocco degli sbarchi”, a partire dalla promozione di “Accordi tra Ue e Stati terzi per la gestione dei rimpatri di clandestini e irregolari, subordinando gli accordi di cooperazione alla disponibilità al rimpatrio degli Stati di provenienza”.