Crisi Governo, fra Conte e Renzi vince Zingaretti. Ecco perché

Con la faida parlamentare tra i due il Pd riesce in una sola mossa a ridimensionare il presidente del Consiglio e liberarsi dell'ex rottamatore

Siamo sicuri che alla fine di questa crisi di Governo ci sarà un vincitore fra Giuseppe Conte e Matteo Renzi? O piuttosto rischiano di uscirne entrambi pesantemente ammaccati a favore di altri? E’ la domanda che inizia a circolare tra parlamentari e addetti ai lavori, che intravedono al termine della faida il proverbiale terzo che gode fra i due litiganti: il Pd di Nicola Zingaretti.

Due ego a confronto

Come evidenzia anche l’informatissimo sito Dagospia, quello fra Conte e Renzi è, prima che politico, essenzialmente uno scontro fra due ego “che non capiscono quando è il momento di fermarsi”. Così Giuseppe Conte passa con disarmante facilità dal condurre un governo coi sovranisti a cercare voti “contro i sovranisti”, allargando nel contempo la propria rete di rapporti e di potere e restando pervicacemente inchiodato alla poltrona.

Dall’altra parte Matteo Renzi, il cui spazio politico è chiuso dall’accordo Pd-M5s di cui Conte è garante, ha aperto la crisi per rimuovere il premier e riguadagnare agibilità politica, senza altro fine che la sopravvivenza sua e di Italia Viva. Una ‘mossa del cavallo’ che sa più di mossa della disperazione. Tanto che nemmeno tutti i suoi parlamentari ne erano e ne sono convinti fino in fondo.

Entrambi indeboliti

La faida parlamentare fra i due, tuttavia, finirà per indebolire entrambi. Conte, per restare a palazzo Chigi, cederà su tutte le richieste degli alleati (la delega sui servizi segreti, il rimpasto, la legge elettorale proporzionale, la riscrittura del Recovery plan e financo il Mes, su cui convergeranno i voti di Forza Italia se mancassero quelli di alcuni M5s), mentre Renzi finirà in una situazione ancora più marginale. Il tutto mentre l’Italia avrà perso tempo e soldi.

Alla fine vince Zingaretti

Ma il paradosso è che a fare raccolto (politico) pieno dalla situazione è il Pd di Zingaretti. Che otterrà dalla mossa di Renzi l’agognato ridimensionamento di Conte e allo stesso tempo potrà finalmente togliersi di torno Renzi e i renziani, dentro e fuori il suo partito. A patto, ovviamente, di un tangibile rilancio dell’azione di governo, da cui dipende il futuro del Paese prima di qualunque prospettiva politica.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crisi Governo, fra Conte e Renzi vince Zingaretti. Ecco perché