Crisi di Governo, Confindustria blinda il Ministro Gualtieri all’Economia

"Non si può sostituirlo". Arriva (a sorpresa) l'endorsement del numero uno degli Industriali

“Per il bene del Paese alcune persone del governo devono restare e faccio riferimento al ministro dell’Economia“. Decisamente a sorpresa, arriva l’endorsement “pesante” del Presidente  di  Confindustria Carlo Bonomi,  nei confronti del Titolare del Tesoro, Roberto Gualtieri .

Parlando della crisi di governo a In mezz’ora in più su Raitre. il numero uno degli Industriali ha attribuito a lui e alla sua “credibilità in Europa” il merito di “quel che portiamo a casa con il Recovery Fund“. Anche se l‘intesa dello scorso luglio sui 209 miliardi è stata siglata dal presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte. 

“Non si può sostituirlo in questa fase di crisi pandemica e – sottolinea Bonomi senza giri di parole – bisogna riconoscerne il merito, se abbiamo tante risorse assegnate per il Recovery Fund bisogna essere onesti intellettualmente e ricordarsi che il merito principale è del nostro attuale ministro dell’Economia. La dialettica critica se costruttiva fa parte delle dinamiche ma poi si valuta il merito”.

Domani, intanto, il Presidente della Camera Fico è atteso al Quirinale per riferire al Capo dello Stato Mattarella l’esito delle consultazioni di questi ultimi, frenetici, giorni. Questa mattina maxi – tavolo sul programma ma ancora niente nomi con Italia Viva che ancora non scioglie la riserva sul Presidente dimissionario Conte. Un nodo tutt’altro che di poco conto.

RENZI PREPARA IL TRAPPOLONE? – Zingaretti prova a fare professione di ottimismo – più che per strategia che per reale convinzione – ma la tensione aumenta con il passare delle ore. “Una trappola da Matteo Renzi e un veto su Conte premier dopo l’accordo sui temi tra i partiti della maggioranza?” Siamo fiduciosi che la disponibilità data da tutti sia una volontà sincera“. A sottolinearlo al ilFattoQuotidiano.it, il segretario del Pd a margine di un’iniziativa della Regione Lazio.

In tanti temono un’imboscata da parte del leader di Italia viva, che continua ad alzare la posta sulla squadra di governo ed insiste per parlare di nomi soltanto dopo i contenuti. “Io credo che la sostanza di quel che sta avvenendo sia positiva. È giusto che ci sia un confronto schietto, i temi sono tanti dalla giustizia alle riforme”, ha aggiunto il Segretario.  Ma il tempo stringe e il traguardo ancora lontano.

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crisi di Governo, Confindustria blinda il Ministro Gualtieri all&#8217...