Carte di credito: 5 mosse per usarle in totale sicurezza

Sul web è sempre bene avere gli occhi bene aperti

altroconsumo_fonte_100

Il recente problema di Hartbleed, il baco che ha compromesso la sicurezza dei dati sensibili che transitano in rete sotto il protocollo Open SSL, ha rivelato come sul web è sempre bene avere gli occhi aperti. Soprattutto quando si utilizza la propria carta di credito per gli acquisti online, infatti, è bene avere qualche accortezza in più per evitare spiacevoli sorprese. Anche se la legge tutela tutti i possessori delle carte di pagamento, meglio fare attenzione. Ecco come.

Controlla gli estratti conto
La cosa migliore da fare è controllare sempre gli estratti conto della carta. Se ci sono addebiti doppi o relativi ad acquisti mai effettuati, contestali immediatamente. Se le operazioni sono tante e ripetute, meglio bloccare la carta con una telefonata al servizio clienti e fare una denuncia alle autorità, da consegnare poi alla banca o all’emittente la carta. Se dopo 30 giorni non hai risolto, puoi fare ricorso all’Arbitro bancario e finanziario.

Fai un reclamo scritto
Per riavere indietro i soldi, è sufficiente fare un reclamo scritto all’emittente che, se l’utilizzo fraudolento è stato fatto online, restituirà l’intera somma addebitata senza alcuna franchigia. Dopo 30 giorni puoi fare ricorso all’Arbitro bancario e finanziario. Ricorda che è bene salvare il numero dell’emittente sul telefono: dopo il blocco della carta non sei responsabile di eventuali utilizzi fraudolenti, prima al massimo possono addebitarti 150 euro.

Occhio alle richieste sospette
Attenzione al phishing: la banca non chiede mai i dati personali via email o sms, quindi meglio non rispondere se hai dubbi sulla provenienza delle comunicazioni. Inserisci il numero della carta di credito solo su siti protetti da sistemi di sicurezza internazionali (verifica la presenza di un lucchetto, in basso a sinistra nel browser).

Accertati del venditore
Quando fai acquisti online verifica l’esistenza del venditore: sul sito devono essere indicati tutti i suoi dati. Digita l’indirizzo e non cliccare sui link ricevuti che potrebbero portarti su siti non attendibili. Stampa sempre la ricevuta di pagamento, potrebbe servire in caso di contestazioni.

Se la carta viene clonata
Per scongiurare il rischio che la carta venga clonata, nei negozi non lasciare troppo tempo la carta in mano a sconosciuti. In caso di clonazione, la procedura da seguire è la stessa di quella per il furto o lo smarrimento: blocca la carta, contesta l’estratto conto e fai una denuncia. Potrebbe essere utile allegare le prove che, al momento dell’acquisto con la carta clonata, ti trovavi in un altro luogo (per esempio al lavoro).
(a cura di: Altroconsumo)

Leggi anche:
Carte di credito clonate, affare da 100mila euro al giorno. Come difendersi
Carte di credito ricaricabili a rischio. L’allarme: “Non sono sicure”
Carte di credito clonate: la banca non può opporsi al rimborso

Carte di credito: 5 mosse per usarle in totale sicurezza