Salone del Mobile 2022, già tutto esaurito: i numeri da record

La presidentessa della rassegna milanese Maria Porro ha parlato della situazione in vista della prossima edizione, in programma dal prossimo 5 aprile 2022

Maria Porro, nominata presidentessa del Salone Internazionale del Mobile dallo scorso mese di luglio, non nasconde di provare una certa soddisfazione per i dati relativi alla prossima edizione, in programma nell’area della Fiera di Milano a Rho (qui si svolge dal 2005, nella sede realizzata dall’architetto italiano Massimiliano Fuksas) dal prossimo 5 aprile 2022.

“Con le moltissime adesioni ricevute fino ad ora, abbiamo già occupato tutti i padiglioni della Fiera di Milano”. Sono queste le parole con cui ha esordito al tradizionale pranzo per gli auguri organizzato con la stampa. Un appuntamento che è diventato l’occasione informale per divulgare qualche informazione sull’evento, che l’anno prossimo festeggerà le 60 edizioni.

Il Salone del Mobile torna dopo il forzato stop del 2020

Maria Porro ha confermato il ritorno ad un format più tradizionale, coniugando il rispetto della tradizione con le nuove esigenze del mercato europeo ed internazionale. Dopo la mancata realizzazione della kermesse nel 2020 a causa delle restrizioni legate al Covid, l’attenzione si è concentrata sulla versione alternativa svoltasi nel mese di settembre, con il progetto del Supersalone realizzato dall’architetto meneghino Stefano Boeri.

“Sarà un’edizione completa, come quelle dei vecchi tempi, in cui ogni cosa tornerà al proprio posto” dice la presidentessa. Ci saranno le mostre parallele di Eurocucina, Ftk, bagno e S. Project. Riapparirà in gran spolvero anche il Salone Satellite, “con un rilancio del format e una nuova posizione: sarà infatti collocato a inizio fiera”.

Maria Porro punta molto anche sul lato digital, con una copertura mediatica degna dei grandi eventi globali: “Da gennaio partirà una campagna di comunicazione con l’uso della realtà aumentata. Il tutto sarà curato da un grande graphic designer internazionale”.

“Contestualmente a tutto questo – svela a margine del pranzo – inizieremo anche una serie di podcast audio che intitoleremo ‘La voce del Salone’. E poi un’altra grande novità, mai sperimentata prima, ossia l’apertura di un apposito canale sulla nuova piattaforma social Tik Tok”.

Tra realtà professionali e social, tutte le novità

Un’impostazione decisamente più smart che sarà ereditata proprio dal Supersalone di tre mesi fa: “Vogliamo aprire e consolidare un dialogo più fitto con il mondo dei giovani, che sono sempre più attratti dalle nostre iniziative. Ma anche pensare di raggiungere con agilità i mercati orientali, che molto probabilmente non potranno essere presenti per le restrizioni ancora vigenti”.

Un’altra novità più vistosa e ingombrante che verrà ereditata dal format settembrino sarà l’uso del Qrcode per impostare già in fiera l’acquisto dei prodotti. “Lo abbiamo pensato – spiega Maria Porro – per andare incontro ancora una volta al consumatore finale che, come da tradizione, avrà accesso alle strutture solamente nelle giornate di sabato e domenica (Il Salone si chiuderà il 10 aprile)”.

Il tutto senza stravolgere la classica impostazione generale, con un’attenzione primaria ad aziende e industrie del settore, perché “il Salone è e deve rimanere una manifestazione professionale”. Infine un’anticipazione su quella che sarà una vera e propria chicca riservata al grande pubblico: “Prevediamo la realizzazione di un’installazione immersiva a Palazzo Reale: sarà il nostro regalo per la città di Milano e per i suoi cittadini”

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Salone del Mobile 2022, già tutto esaurito: i numeri da record