Beni di lusso, ecco le città più costose al mondo: c’è un’italiana

Secondo il ‘Global Wealth and Lifestyle Report’ della banca svizzera Julius Baer, c’è anche un capoluogo italiano tra le metropoli più lussuose al mondo

Nonostante i diversi periodi di lockdown e le restrizioni imposte dalla pandemia, anche nel 2021 Milano si conferma una delle città più care al mondo. Nello specifico, il capoluogo lombardo si conferma al vertice per quanto riguarda il consumo di beni e servizi associati ad una clientela facoltosa.

A rivelarlo è il ‘Global Wealth and Lifestyle Report’, un’analisi condotta con cadenza annuale da parte dei tecnici della banca svizzera Julius Baer.

Beni di lusso, ecco il paniere delle città più costose

Nella classifica delle prime 25 metropoli mondiali, Milano sale dal diciannovesimo posto del 2020 al tredicesimo posto del 2021. Una posizione che vale il sorpasso in classifica di megalopoli europee e internazionali come Barcellona, Sydney, Città del Messico e Rio de Janeiro.

Lo studio ha tenuto conto di un paniere composto dai consumi tendenzialmente ritenuti “lussuosi”: si va dalle spese sanitarie agli acquisti nel campo della tecnologia (novità di quest’anno è l’inserimento della bicicletta elettronica), dai prodotti di bellezza ai cosiddetti ‘wedding services’, fino ai più classici capi d’abbigliamento firmati. E poi i soggiorni negli hotel superior, gli acquisti di gioielleria, le etichette di vino pregiate, i viaggi e il mercato immobiliare.

Beni di lusso, l’incidenza di case e ristoranti

Sembra essere proprio quest’ultimo il fattore determinante nella scalata di Milano ai vertici mondiali. Anche in tempi di coronavirus, la richiesta di ville, case e appartamenti inseriti nella categoria ‘premium’ pare infatti non aver subito alcuna flessione significativa, confermando la città meneghina come uno dei posti maggiormente graditi da chi ama le residenze di lusso.

Ma ad attrarre facoltosi investitori è anche chiaramente il mondo enogastronomico, con particolare riferimento ai ristoranti stellati, di cui Milano risulta essere una vera e propria culla: il report rivela come il capoluogo lombardo sia al quinto posto mondiale per numero di chef premiati.

La graduatoria

Sviscerando il ranking delle prime 25 città in classifica, è possibile notare come l’Asia rimanga saldamente la regione più rappresentata – grazie anche ad una rapida ripresa dalla crisi sanitaria globale – con Shangai, Tokyo e Hong Kong a spartirsi il podio.

Da segnalare il crollo di New York, passata nel giro di un anno dalla quarta alla decima posizione. A scalzare la Grande Mela è stata la prima città europea della lista, ossia Monaco, seguita nelle prime otto da Taipei, Zurigo, Parigi e Londra.

Le città americane registrano un netto calo dei prezzi di consumo, dovuto soprattutto all’accessibilità nell’acquisto di nuove tecnologie per la presenza delle multinazionali del settore sul suolo statunitense: qui infatti la spesa maggiore rimane ancora quella legata alle assicurazioni sanitarie.

Chiudono la graduatoria la canadese Vancouver e la sudafricana Johannesburg. Di seguito la classifica completa:

  1. Shanghai
  2. Tokyo
  3. Hong Kong
  4. Monaco
  5. Taipei
  6. Zurigo
  7. Parigi
  8. Londra
  9. Singapore
  10. New York
  11. Bangkok
  12. Dubai
  13. Milano
  14. Sidney
  15. Barcellona
  16. Manila
  17. Francoforte
  18. Mosca
  19. Miami
  20. Jakarta
  21. San Paolo
  22. Mumbai
  23. Città del Messico
  24. Vancouver
  25. Johannesburg

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Beni di lusso, ecco le città più costose al mondo: c’è un’itali...